Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'evoluzione della spesa post Covid, anche le botteghe storiche sbarcano online: "Cambiate le abitudini"

Attiva una piattaforma che riunisce tanti artigiani storici, progetto di un team di imprenditori bolognesi che rilevano: "Nel 2020 i compratori online B2C sono +26% rispetto al 2019, gli acquisti online nel settore alimentare sono aumentati di oltre il 50%"

 

Le botteghe storiche di Bologna sbarcano online, raggruppandosi in una piattaforma per il commercio digitale promossa da un team di imprenditori bolognesi. Si potrà così fare la spesa online - rigorosamente proveniente dalle botteghe che hanno un'impronta artigianale e un forte legame con la città - chiedendone la consegna a domicilio oppure ritirandola in negozio. 

Alimentari, cambia il modo di fare la spesa

"Stiamo assistendo ad un cambiamento delle abitudini alimentari ed a modo nuovo di avvicinarci al loro approvvigionamento - così spiega Roberto Melloni – Co-Founder della piattaforma denominata Driiin. Nascono nuovi percorsi e la componente web è sempre più parte centrale di questa evoluzione, l’utente è sempre più evoluto, più curioso ma anche più intransigente nelle scelte. Questo mondo web non deve farci dimenticare una componente fondamentale della filiera alimentare: gli artigiani che con i loro negozi hanno sempre selezionato le eccellenze alimentari e ci hanno sempre fornito quelle competenze quelle cortesie e quelle emozioni che devono accompagnare un prodotto di qualità. Ora con il portale Driiin vogliamo abbinare le comodità e i servizi delle nuove tecnologie con il lavoro di questi artigiani mantenendoli al centro del progetto ed esaltando le loro selezioni".

Spesa online, i numeri in era Covid

"Nel 2020 i compratori online B2C sono più di 22,6 milioni, più 26% rispetto al 2019, gli acquisti online nel settore alimentare sono aumentati di oltre il 50% e oltre il 30% di questi e-shopper continueranno ad acquistare online. In questo scenario per il retailer diventa fondamentale la omnicanalità, cioè una stretta sinergia tra offerta offline e online per soddisfare le nuove aspettative del suo consumatore. Le criticità per un negozio sono i costi della logistica, i costi e la complessità di gestione di un e-commerce: Driiin offre ad ogni negozio uno spazio dedicato e una logistica centralizzata, proponendosi come un nuovo mercato digitale, dove la qualità e l’artigianalità sono i protagonisti. Driiin rappresenta uno spazio unico dove un consumatore può trovare la stessa offerta agli stessi prezzi della sua bottega di fiducia anche online e poterla ritirare velocemente in negozio o ricevere direttamente a casa. I retailer del futuro saranno quelli che riusciranno a mediare l’offerta offline con quella online per coprire le esigenze dei nuovi consumatori", conclude Alessandra Anguillari – CEO & CO-Founder Driiin.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento