menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Atalanta-Bologna: possibili formazioni

Mihajlovic: “Nessuna frattura tra me e la società ma una visione di crescita comune”

Vigilia di Bologna-Atalanta, il match si giocherà domani a Bergamo alle 19.30. All’andata aveva vinto il Bologna per 2-1 con reti di Poli e Palacio ma lo scorso anno l’incontro era finito con una pesante vittoria per i neroazzurri per 4-1 ed è lo stesso Mihajlovic a descrivere la squadra bergamasca come “una squadra fisica che ti fa giocar male, con molto talento e dei giocatori importanti. In questo momento è la squadra migliore in campionato”. Oramai per il Bologna il sogno europeo si è infranto, questo non significa che si possano buttar via le 4 partite che mancano. Rispetto alla partita di domenica caduta come una tegola in testa sui rosso-blu, Mihajlovic ha detto che “sicuramente ci saranno dei cambi di formazione” è quindi possibile rivedere in attacco Barrow e Palacio, insieme a Soriano e Orsolini. Al centro 2 tra Medel, Dominguez e Poli. Rimangono infortunati Bani e Schouten il cui campionato è finito ma anche Djiks deve scontare una giornata di squalifica.

Nella conferenza stampa di Casteldebole tuttavia l’argomento sul quale Mihajlovic spende più tempo è un altro, e non ha bisogno di alcuna domanda per introdurlo. Dopo la pesante sconfitta contro il Milan e le parole dette da Mihajlovic a fine partita in cui affermava che “se vogliamo essere salvi a dieci giornate dalla fine, possiamo rimanere così, ma se vogliamo lottare per un posto in Europa e fare qualcosa di più eccitante allora bisogna cambiare, dopo questa partita penso sia chiaro a tutti. Ma non sono io che fisso gli obiettivi, a fine campionato incontrerò la società e vedremo, ma nel bene o nel male ho visto quello che dovevo vedere” alcuni giornali avevano paventato una possibile frattura tra l’allenatore e la società ma oggi in  conferenza stampa è lo stesso Mihajlovic a voler chiarire subito, bocciando le ipotesi di una presunta disparità di visione bollandole come “cazzate” e puntualizzando come non ci sia “nessuna divisione tra me e la società per i piano per la prossima stagione”.

“Ho visto stamattina- ha esordito il mister- qualche giornale e vorrei fare chiarezza su alcuni concetti per quello che ci aspetta. Per il futuro niente divisione tra me e la società sui piani per la prossima stagione. Conosco i programmi di crescita del Bologna e li accetto. Il nostro obiettivo deve essere quello di migliorare colmando le lacune per rendere la squadra più competitiva cercando d’intervenire dove siamo carenti e scoperti. Con i giusti inserimenti e la crescita dei giovani puntiamo a crescere, poi se migliorerà la classifica dipenderà da noi e dagli altri. Se faremo bene anche l’Europa potrebbe diventare un obiettivo. Nessuna frattura con la società ma una visione di crescita comune. Sul presente perdere come contro il Milan mi fa imbestialire. Voglio e pretendo di più da chiunque indossi la maglia del Bologna per il rispetto dei nostri tifosi. Abbiamo fortuna ad avere una tifoseria equilibrata che ci applaude quando vinciamo ma i giocatori sono i primi a dover meritarsi questo atteggiamento senza adagiarsi sugli allori. Ringrazio i tifosi ma dovremo giocare le prossime partite con rabbia come se avessimo ricevuto i fischi che abbiamo meritato. Nessuno scontro tra me e la società, quello letto sui giornali sono tutte cazzate”.

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Caldara, Djimsiti; Castagne, De Roon, Pasalic, Gosens; Malinovskyi, Gomez; Muriel.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Tomiyasu, Krejci; Medel,  Poli; Soriano, Orsolini, Barrow; Palacio

Approfondimenti
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fagottini di mortadella caprino, miele e pistacchio

social

Crostatina ai lamponi senza glutine: la ricetta di Ernst Knam

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento