rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Basket

Coppa Italia Serie A1, Virtus Bologna in finale: battuta la Reyer Venezia 64-76

Oggi al PalaLupe di San Martino di Lupari l'atto finale contro il Famila Wuber Schio

La Virtus Segafredo Bologna femminile di Coach Lino Lardo sfodera una prova di grande grinta, sostanza e personalità e vince 64-76 la semifinale di Coppa Italia contro l’Umana Reyer Venezia . Dopo una prima frazione di gioco molto equilibrata, che si chiude con le virtussine avanti di sole due lunghezze, il secondo periodo è quello decisivo. Grazie ad parziale di 5-16, infatti, Bologna rientra negli spogliatoi in vantaggio di 13 punti sul 25-38.

Nella seconda parte di gara la Virtus Bologna amministra il vantaggio ottenuto e la Reyer non riesce a reagire. Le V nere conquistano la vittoria e volano in finale. Grande prova di Turner, autrice di una doppia doppia con 23 punti e 13 rimbalzi.

La partita - Partenza fulminea di Bologna con Dojkic, subito emulata da Madera, a bersaglio dai 6,75. Zandalasini piazza un’azione da tre punti ma la risposta di Ndour e Madera non si fa attendere e vale il 7 a 5. Ancora Zandalasini da sotto misura quindi Attura e Turner per il perfetto equilibrio. Thornton insacca da oltre l’arco prima dell’ingresso sul parquet di Anderson e Bestagno che avvicendano Carangelo e Ndour.

E’ sempre Zandalasini, con un 1/2 ai liberi e con una percussione a mantenere il contatto con la Reyer (12-12 a -4,27). Madera mette la sua seconda “bomba” della serata ma Dojkic ha mano ferma dalla lunetta. Entra Battisodo, ieri assente e in non perfette condizioni fisiche, quindi Anderson e Turner si iscrivono a referto. La colored numero 14 di sponda bolognese mette la freccia del sorpasso. Ndour è precisa a metà a cronometro fermo e Battisodo e Turner trovano punti facili nel finale di quarto che si chiude con la firma di Ndour sul 20 a 22.

Qualche tentativo a vuoto su entrambi i fronti in avvio di seconda frazione e tabellone inchiodato per 90 secondi. E’ Ndour a farsi valere sotto i cristalli, insaccando poi due tiri liberi. Turner sembra essersi sbloccata definitivamente e rimpingua il proprio bottino. Bestagno si fa trovare pronta dalla lunga distanza ed è nuovo vantaggio per le orogranata (25-24 a -7,21). Black out dell’attacco reyerino e l’austriaca Sarah Sagerer, nuovo acquisto alla corte di “patron” Zanetti, infila cinque punti consecutivi che riportano la Virtus sul +4.

Dojkic aggiusta la mira da oltre l’arco e coach Mazzon è costretto a rifugiarsi nel più classico dei time out. Sono comunque le V Nere a uscire nel migliore dei modi dal minuto di sospensione trovando ancora il fondo della retina lagunare e raggiungendo il vantaggio in doppia cifra con Sagerer (25-35 a -3,11). Rush finale di Bologna che ringrazia una Turner in grande spolvero con 1/2 ai personali, stoppata su Ndour e pallone depositato a canestro. Il tutto per accompagnare le squadre all’intervallo lungo sul 25 a 38.

Ndour dai 6,75, Zandalasini e Madera riaprono i giochi. Cecilia Zandalasini, questa volta dalla lunga ristabilisce il +13. Bella giocata di Yvonne Anderson che concede il bis nell’azione successiva limando il divario. Dojkic tenta un nuovo break ma Thornton non ci sta. Zandalasini continua il suo show balistico ben coadiuvata da Turner (36-50 a -3,32).

Cinili esce bene dai blocchi e per lei è solo retina mentre le maglie della difesa virtussina rendono macchinosi gli attacchi veneziani. Sagerer è in fiducia ma Ndour e Anderson hanno un sussulto d’orgoglio che non impedisce a Turner di ristabilire il +15 sull’ultima sirena parziale con il tabellone fermo sul 41 a 56.

Madera si mette in luce ancora da oltre l’arco ma il suo ruggito viene annullato da Turner e dall’antisportivo sancito a Beatrice Attura che spedisce in lunetta Dojkic. Turner continua a imperversare e l’Umana si aggrappa alla tripla di Attura. Azione da tre punti di Barberis mentre il tecnico veneziano tenta la carta Penna per aumentare il proprio potenziale offensivo.

La 41 di origine bergamasca lo ripaga immediatamente ma il cronometro scorre inesorabile e le “bombe” di Dojkic, Carangelo e Ndour servono solo a far lievitare il punteggio. Coach Lardo fa rifiatare Turner risparmiandole i minuti conclusivi in ottica finale. La Virtus Segafredo si impone con merito e oggi sfiderà le scledensi in un confronto che si preannuncia appassionante

Il tabellino ufficiale di Umana Reyer Venezia - Virtus Segafredo Bologna 64 - 76 (20-22, 25-38, 41-56, 64-76)

UMANA REYER VENEZIA: Bestagno 6 (1/3, 1/2), Carangelo* 3 (1/5 da 3), Thornton* 5 (1/4, 1/2), Anderson 8 (3/8, 0/1), Madera* 13 (2/2, 3/6), Smorto 2 (0/0, 0/0), Attura* 5 (1/2, 1/2), Rescifina NE, Penna 7 (2/2, 1/2), Ndour Gueye* 15 (3/12, 2/4) Allenatore: Mazzon A.

Tiri da 2: 13/33 - Tiri da 3: 10/24 - Tiri Liberi: 8/10 - Rimbalzi: 36 12+24 (Ndour Gueye 10) - Assist: 17 (Anderson 4) - Palle Recuperate: 4 (Carangelo 2) - Palle Perse: 17 (Bestagno 4) - Cinque Falli: Attura

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Sagerer 14 (4/7, 2/6), Tassinari*, Tava NE, Barberis 3 (1/4, 0/1), Laterza NE, Dojkic* 16 (2/3, 2/4), Battisodo 2 (1/1, 0/1), Turner* 23 (11/14 da 2), Zandalasini* 16 (4/8, 2/7), Cinili* 2 (1/2, 0/2) Allenatore: Lardo L.

Tiri da 2: 24/39 - Tiri da 3: 6/23 - Tiri Liberi: 10/14 - Rimbalzi: 33 10+23 (Turner 13) - Assist: 14 (Dojkic 6) - Palle Recuperate: 9 (Dojkic 4) - Palle Perse: 8 (Dojkic 2)

Arbitri: Gagno G., Tommasi E., Lupelli L.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppa Italia Serie A1, Virtus Bologna in finale: battuta la Reyer Venezia 64-76

BolognaToday è in caricamento