rotate-mobile
Calcio

Bologna, guida al calendario 2022-2023: inizio in salita con Lazio, Hellas e Milan

Il sorteggio per la prossima stagione mette subito i rossoblù sull'attenti con tre sfide ad alto coefficiente di difficoltà. Alla sesta Bologna-Fiorentina, all'ottava giornata la sfida in trasferta contro la Juve

Un inizio di stagione in salita per il Bologna che, nella Serie A TIM 2022-2023, comincerà affrontando in trasferta la Lazio, poi l’Hellas Verona in casa e ancora in trasferta il Milan. Come lo scorso anno, anche queste prime dieci giornate riserveranno alla squadra di Mihajlovic diverse insidie: oltre alle prime tre gare già citate, per i rossoblù ci sarà il derby contro la Fiorentina alla 6^ giornata, la sfida con la Juventus all’8^ e il Napoli alla 10^. Alla 15^, ultima gara prima della sosta per i Mondiali di Qatar, il Bologna affronterà in casa il Sassuolo, mentre la prima sfida dopo la Coppa del Mondo sarà contro la Roma all’Olimpico. Come quella iniziale, anche l’ultima partita della stagione sarà in trasferta: il 4 giugno, infatti, i rossoblù affronteranno fuori casa il neopromosso Lecce.

Serie A 2022-2023, il calendario del Bologna

1^ giornata: Lazio-Bologna
2^ giornata: Bologna-Hellas Verona
3^ giornata: Milan-Bologna
4^ giornata: Bologna-Salernitana
5^ giornata: Spezia-Bologna
6^ giornata: Bologna-Fiorentina
7^ giornata: Bologna-Empoli
8^ giornata: Juventus-Bologna
9^ giornata: Bologna-Sampdoria
10^ giornata: Napoli-Bologna
11^ giornata: Bologna-Lecce
12^ giornata: Monza-Bologna
13^ giornata: Bologna-Torino
14^ giornata: Inter-Bologna
15^ giornata: Bologna-Sassuolo

Pausa Mondiali del Qatar (14 novembre - 3 gennaio)

16^ giornata: Roma-Bologna
17^ giornata: Bologna-Atalanta
18^ giornata: Udinese-Bologna
19^ giornata: Bologna-Cremonese
20^ giornata: Bologna-Spezia
21^ giornata: Fiorentina-Bologna
22^ giornata: Bologna-Monza
23^ giornata: Sampdoria-Bologna
24^ giornata: Bologna-Inter
25^ giornata: Torino-Bologna
26^ giornata: Bologna-Lazio
27^ giornata: Salernitana-Bologna
28^ giornata: Bologna-Udinese
29^ giornata: Atalanta-Bologna
30^ giornata: Bologna-Milan
31^ giornata: Hellas Verona-Bologna
32^ giornata: Bologna-Juventus
33^ giornata: Empoli-Bologna
34^ giornata: Sassuolo-Bologna
35^ giornata: Bologna-Roma
36^ giornata: Cremonese-Bologna
37^ giornata: Bologna-Napoli
38^ giornata: Lecce-Bologna

Calendario Serie A 2022-2023, il commento di Sartori

Questo il commento del Responsabile dell’Area Tecnica Giovanni Sartori dopo la pubblicazione del calendario del nuovo campionato: “E’ un percorso abbastanza equilibrato: cominciamo con due trasferte impegnative contro la Lazio e i campioni d’Italia del Milan - si legge sul sito ufficiale del Bologna - intervallate da due gare interne contro Verona e Salernitana. Sarà importante farci trovare pronti fin dalle prime giornate per fare una buona partenza, anche perché ci troveremo di fronte una stagione anomala per tutti vista la lunga pausa mondiale da metà novembre a gennaio: 15 partite nella prima parte, 23 dal 4 gennaio in poi. Più in generale è curioso notare che affronteremo tutte le grandi in trasferta all’andata e in casa al ritorno. Resto però dell’idea che il calendario incida fino a un certo punto sul percorso di una squadra”.

Serie A 2022-2023, le novità

Oltre ai Mondiali, che l’Italia non giocherà, la principale novità introdotta per questa nuova stagione è sicuramente rappresentata dallo spareggio in caso di arrivi a pari punti: sia per lo Scudetto che per la retrocessione in Serie B, infatti, non conterà più la regola degli scontri diretti o della classica avulsa, parametri che invece rimarranno in vigore per quanto riguarda i piazzamenti nelle competizioni europee. 

I criteri del sorteggio

Il Bologna non sarà soggetto all’alternanza casa/trasferta obbligatoria per le squadre della stessa città (o che comunque risultano particolarmente vicine come Napoli e Salernitana e Fiorentina ed Empoli) e, come lo scorso anno, una partita non può veder giocare il suo ritorno prima che non siano passate almeno altre otto gare. Gli scontri tra le prime sette classificate dello scorso anno (Milan, Inter, Napoli, Juventus, Lazio, Roma e Fiorentina) non potranno giocarsi nei turni infrasettimanali, e le stesse società non potranno scontrarsi tra loro nelle giornate di campionato comprese tra due turni di coppe europee. 

Soste e turni infrasettimanali

Detto della pausa per i Mondiali di Qatar (14 novembre – 3 gennaio) la prima sosta prevista per la Serie A 2022-2023 è quella che va dal 19 al 27 settembre, visti gli impegni delle Nazionali nella Nations League. Poi la Coppa del Mondo e, dal 4 gennaio, un lungo tour de force che comprende anche Coppa Italia e la Supercoppa Italiana che Inter e Milan si contenderanno in Arabia Saudita. Infine, un’ulteriore sosta per le qualificazioni all’Europeo del 2024 ci sarà dal 20 al 26 marzo.
I turni infrasettimanali già programmati sono quattro: 31 agosto, 9 novembre, 4 gennaio e 3 maggio. 

Bologna, cosa aspettarsi nella prossima stagione?

Sul calendario ci sono diverse teorie a cui i tifosi solitamente aderiscono: quelli che preferiscono affrontare subito tutte le partite più insidiose, quelli che vorrebbero un calendario più equilibrato e quelli che, invece, “tanto prima o poi le affronti tutte”.
Nella scorsa stagione il Bologna, che già alla prima giornata era circondato da aria di contestazione dopo la prematura uscita dalla Coppa Italia nel match contro la Ternana, affrontò nelle prime dieci giornate, tra le altre, Atalanta, Inter, Lazio, Milan e Napoli. Un inizio di fuoco in cui però i rossoblù – tolta la figuraccia di San Siro contro i nerazzurri – non avevano sfigurato, ma anzi avevano fatto sperare i tifosi in una qualificazione europea. Dopo la vittoria per 1-0 contro la Roma del 1 dicembre, però, il Bologna ha vinto solamente due partite in quindici turni di campionato, rovinando quanto di buono era stato fatto nella prima parte della stagione. Un finale poi in leggero rialzo, coronato dalla rocambolesca vittoria del Dall’Ara contro l’Inter che di fatto ha consegnato lo Scudetto nelle mani del Milan.

La conferma di Mihajlovic, l’ennesima dopo le voci relative ad un suo addio nella scorsa estate e nella prima parte di questa, arriva nel segno della continuità. La dirigenza – che da Sabatini e Bigon è passata nelle mani di Sartori e Di Vaio – e soprattutto i tifosi si aspettano certamente un cambio di prospettive: un altro anno incolore e con obiettivi poco sfidanti (come quello de “la parte sinistra della classifica” o quello del “fare meglio dello scorso anno”) sarebbe sicuramente mal digerito dalla piazza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bologna, guida al calendario 2022-2023: inizio in salita con Lazio, Hellas e Milan

BolognaToday è in caricamento