Mercoledì, 17 Luglio 2024
Calcio

Joey Saputo è cittadino onorario di Bologna: "Per me grande onore e orgoglio"

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità il riconoscimento al presidente del Bologna FC. La cerimonia di conferimento a settembre

QUI PER ISCRIVERSI AL CANALE WHATSAPP DI BOLOGNATODAY

Il Consiglio comunale nella seduta odierna ha approvato all'unanimità la delibera del conferimento della cittadinanza onoraria a Joey Saputo, presidente del Bologna FC dal 2014, proposta dal sindaco Matteo Lepore. Canadese d'origine, 60 anni, Saputo è uno dei protagonisti della storica stagione del club bolognese culminata con l’accesso alla Champions League, risultato che mancava dal 1964. La società era già stata premiata con l'onorificenza del Nettuno d'Oro.

Perché il conferimento e quando sarà la cerimonia

Come si legge nelle motivazioni della delibera, "la determinazione di Saputo ha fatto sì che la società fosse sempre proiettata al futuro, nella continua ricerca di quell’equilibrio che portasse alle ambite posizioni di classifica fortemente volute dal presidente. Anche nell’esperienza alla guida del Bologna BFC, accanto all’impegno sportivo non è mancata la partecipazione ad iniziative benefiche a favore del territorio". La cerimonia di conferimento sarà a settembre.

La reazione di Saputo: "Un grande onore e orgoglio"

"Come dissi allora, è per me un grande onore e un orgoglio diventare cittadino onorario di Bologna, anche perché da tempo mi sento parte integrante di questa comunità. Il giorno della cerimonia ufficiale di conferimento rappresenterà per me un momento di grande emozione, ma anche l'occasione per poter esprimere la mia riconoscenza a tutta la cittadinanza bolognese", promette Saputo. "Ho già avuto modo di ringraziare il sindaco Lepore quando propose il conferimento della cittadinanza onoraria e oggi estendo il mio ringraziamento a tutto il Consiglio comunale che ha votato la proposta all'unanimità", aggiunge il patron rossoblù

Lepore: "Ha dato lustro alla città"

“Una figura”, quella di Saputo, ha dichiarato Lepore, “che in questi anni ha saputo portare lustro alla nostra città, investire sulla società, sulla sede, i campi da gioco e presentare anche una proposta di pubblico interesse per quanto riguarda lo stadio Dall’Ara e lo stadio provvisorio. È sicuramente una storia importante la sua, una storia che ha visto in questi dieci anni portare una società sportiva a importanti successi, come la recente qualificazione per la Champions League. Ma credo che questa stagione, così come i dieci anni che abbiamo alle spalle, abbiano rappresentato un importante risultato per la città nel suo complesso”.

“Lo abbiamo conosciuto personalmente, abbiamo vissuto con lui momenti anche drammatici, come la storia di Sinisa Mihajlovic. Credo che davvero in questi dieci anni Joey abbia dimostrato – lo chiamo per nome – di essere vicino alla nostra città e alle nostre istituzioni. Fare di Joey Saputo cittadino bolognese sia doveroso. Come messaggio a lui come riconoscimento, ma anche come simbolo di una città accogliente, che sa costruire progetti importanti. Credo davvero che questo Consiglio potrà, a settembre, con una cerimonia pubblica, fregiarsi di questo conferimento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Joey Saputo è cittadino onorario di Bologna: "Per me grande onore e orgoglio"
BolognaToday è in caricamento