Calcioscommesse, combine col Bari. Di Vaio:'No patteggiamento, battaglia'

Nuovo match sulle presunte partite pilotate con al centro l'ex capitano e Portanova. Su telefonata 'incriminata' accesso tabulati vietato. Il Bologna trema, chiesti punti penalità e 50mila euro di multa. Guaraldi: 'Condanna dura'

"Prendo atto di queste richieste di condanna che sono molto dure". E' la breve dichiarazione del presidente del Bologna, Albano Guaraldi, in merito al processo sul calcioscommesse. "Oggi c'é il dibattimento e la parola passa alle difese. Speriamo di mitigarle, queste pene, se non annullarle". Il procuratore Palazzi ha chiesto alla Disciplinare la penalizzazione di due punti per il Bologna, insieme con un'ammenda di 50mila euro.

DIFESA DI VAIO - E LA TELEFONATA INCRIMINATA. "E' una diabolica inversione dell'onere della prova". Dopo la richiesta di condanna a un anno per l'ex capitano del Bologna Marco Di Vaio, gli avvocati Guido Magnisi e Aldo Savoi Colombis, che lo assistono, attaccano il principio del procedimento disciplinare secondo cui tocca alla difesa provare che la telefonata 'incriminata' di Daniele Portanova a Marco Di Vaio non c'é stata: "Di Vaio di certo non intende patteggiare. Daremo battaglia". "Abbiamo chiesto a Vodafone di darci i tabulati delle chiamate dell'ex capitano del Bologna - ha detto Magnisi - ma il gestore telefonico non può darli ai legali al di fuori dell'ambito penale. Alla base del deferimento di Di Vaio per omessa denuncia da parte della giustizia sportiva c'é infatti una telefonata che gli avrebbe fatto Portanova (deferito per illecito sportivo) il 18 maggio 2011. Secondo l'accusa, è verosimile che Portanova abbia chiamato l'allora capitano per sondare la sua disponibilità ad un 'aggiustamento' della partita con il Bari. Abbiamo depositato la risposta del garante che dice come appunto solo nel processo penale le parti possono accedere a quei tabulati". Tant'é - fanno notare Magnisi e Savoi - che la Procura di Bari, dove Di Vaio non è indagato, al difensore di Portanova quegli atti li ha negati, "evidentemente perché irrilevanti": "Irrilevanti quelli, e in più abbiamo depositato la testimonianza del centralinista del Bologna, secondo cui non c'é stato alcun utilizzo di telefoni fissi interni tra giocatori del Bologna. Di fronte a questo, Palazzi oggi ha detto che magari i due calciatori si sono parlati su utenze non intercettabili, come Skype. Solo che lui non ha l' obbligo di provare questa circostanza, non dobbiamo provare che sia falsa. Daremmo battaglia per il riconoscimento dell'assoluta estraneità del nostro assistito. Che è innocente e non vuole per questo patteggiare".

PORTANOVA E I TABULATI TELEFONICI NEGATI. "Il procuratore Palazzi ci sorprende, due volte". E' il commento dell'avv. Gabriele Bordoni, difensore di Daniele Portanova del Bologna, per il quale l'accusatore ha chiesto la squalifica di tre anni. "Non ci sorprende l'entità della pena - argomenta Bordoni, che oggi terrà la propria arringa - era chiaro che avrebbe chiesto qualcosa del genere, essendo convinto dell'illecito. Sorprende invece che abbia ignorato il documento, che abbiamo depositato ieri e che la commissione disciplinare ha fatto proprio, che certifica come la Procura penale di Bari, dove Portanova è indagato, ci ha negato l'accesso ai tabulati telefonici che possono dimostrare che non ci fu telefonata tra Portanova e l'allora capitano rossoblù, Marco Di Vaio. Atti che nemmeno la procura federale ha acquisito. Il processo sportivo prevede questa diabolica inversione dell'onere della prova. Non é l'accusa che deve provare che questa telefonata c'é stata, siamo noi che dobbiamo provare che non c'é stata. Un assurdo, che abbiamo posto all'attenzione della Corte. Proponendo due alternative: o la nullità degli atti, per una limitazione della possibilità di difenderci. Oppure di fare un ragionamento logico. Se la procura di Bari, che ha dato tanti atti al processo sportivo, ha deciso di non dare questi tabulati perché coperti da segreto istruttorio, possiamo dedurre che lo ha fatto perché non sono rilevanti al fine del processo disciplinare, e dunque non forniscono la prova di quella telefonata. E' una prova logica, ed è scagionante" "La seconda sorpresa che ci procura Palazzi - prosegue Bordoni - è quando non tiene conto che ci sono due testimoni contraddittori, uno che parla di un accordo sul 2-1 per il Bari, l'altro di un 3-1 a favore del Bologna. Palazzi, prima che facessimo notare questa contraddizione, sosteneva che l'accordo ci fosse per un successo del Bari perché aveva una quota altissima. Ora il procuratore glissa e dice che l'accordo era una scommessa sull'over. Ma con due gol l'over è a due e mezzo, con 3 sale a tre e mezzo. Anche aritmeticamente c'é contraddizione, non ci può essere comunque un'intesa su due risultati così diversi".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • 23 ottobre, sciopero nazionale treni e bus: cosa c'è da sapere

  • Gianluca Vacchi firma una cashback card: oltre ai benefit, c'è anche un progetto benefico

  • Crollo via del Borgo, Francesco muore a 22 anni. Il Comune: "Un dolore per tutta la città"

  • Coronavirus, il piano della Regione Emilia-Romagna: "Intanto isolare famiglie con positivi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento