Domenica, 13 Giugno 2021
Gianluca Notari

Opinioni

Gianluca Notari

Collaboratore BolognaToday

Orsolini, l'estate della verità: lascia o raddoppia?

Meno gol, meno presenze, meno assist e meno minuti giocati rispetto alle due passate stagioni: l’esperienza bolognese di Orsolini potrebbe arrivare al capolinea

Foto pagina Facebook Bologna FC

Riccardo Orsolini è uno dei tanti giovani su cui si è scritto e detto tanto. A lui, come ad altri, è stato accollato il futuro del calcio italiano, e lui, come altri, sta faticando a rispettare le promesse. Non più giovanissimo (24 anni compiuti a gennaio), non amatissimo tra i tifosi e con un rivale da temere nel suo stesso ruolo, l’ex Atalanta e Ascoli potrebbe rappresentare una cessione meno dolorosa di altre. 

Orsolini, la stagione in numeri

I numeri di Orsolini non sono drammatici, ma non sono neanche positivi. Rispetto ai campionati 2018/19 e 2019/20, quando ha giocato rispettivamente 35 e 37 partite segnando in entrambe le stagioni 8 reti, nell’ultimo anno ‘Orso’ ha giocato 34 partite e segnato 7 gol. Di queste presenze, tredici volte è entrato dalla panchina e ben sedici volte è stato sostituito. Solamente in cinque occasioni, quindi, ha giocato una partita per intero. Oltre ai numeri, però, ci sono le sensazioni. Per molti tifosi del Bologna è un incompiuto e pure Mihajlovic ha dovuto metterci del suo: “Deve darsi una svegliata”, aveva dichiarato a marzo, per poi cominciare sistematicamente a preferirgli Skov Olsen. Perché il talento c’è ed è purissimo, ma servono continuità ed efficacia per metterlo a frutto nel modo migliore. 

Bologna, il punto sul mercato

Bologna al bivio Orsolini: parte o rinnova?

Il suo valore, sui portali web dedicati, è praticamene dimezzato da un anno e mezzo a questa parte. Nel mercato reale, invece, un valore cospicuo ce l’ha ancora. Dal suo entourage per il momento non filtra nulla: il ragazzo è in vacanza ed eventuali aggiornamenti ci saranno solamente tra qualche giorno. Orsolini ha un contratto con il Bologna fino al 2023 e quindi, questa, potrebbe essere l’estate della svolta: o va, o rinnova. Tenerlo senza rinnovare sarebbe un suicidio da parte della dirigenza rossoblù, che vedrebbe così appassire il suo potere contrattuale rispetto a quello del giocatore. Il club certamente non vorrà sciupare un investimento di 15 milioni fatto due anni fa e per questo potrebbe preferire vendere uno come lui - il cui sostituto è già in casa e che soprattutto garantirebbe ampi margini per la plusvalenza - piuttosto che pezzi più pregiati come Tomiyasu, Schouten e Svanberg, le cui partenze potrebbero risultare più sanguinose. Darsi "una svegliata" adesso, per Orsolini, potrebbe essere troppo tardi. 

Foto pagina Facebook Bologna FC 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Orsolini, l'estate della verità: lascia o raddoppia?

BolognaToday è in caricamento