Partite allo stadio, le regole in attesa di Bologna-Juventus: si gioca a porte chiuse

La cifra è compresa di giocatori, arbitro e personale. In attesa della data, il protocollo della Figc chiarisce quali saranno le modalità di svolgimento dei match

FOTO DI REPERTORIO

La presentazione del calendario della serie A, dove si saprà precisamente quando saranno le prossime partite del Bologna, tra cui l’attesissima Bologna-Juventus che dovrebbe essere tra il 22 e il 24 giugno, è alle porte.

La Fcgi intanto ha pubblicato oggi il protocollo che indica come si svolgeranno le partite a porte chiuse, riprendendo le linee guida giù esposte precedentemente.

Il numero totale di persone che potranno accedere allo stadio durante le partite (giocatori e arbitri inclusi) è fissato alle 300 unità, ci possono essere delle modificazioni solo su indicazione dell’autorità di sicurezza.

Prima dell’inizio della partita il Delegato gestione dell’evento della squadra ospitante dovrà certificare alla squadra avversaria che si siano sanificati i locali ad uso degli ospiti. I medici responsabili di ambedue le squadre dovranno scambiarsi le certificazioni che attestino il rispetto da parte della squadra delle misure anti covid. Per i giocatori previsto l’uso della mascherina dall’ingresso fino all’entrata in campo.

Prima dell’inizio, niente accompagnamento dei bambini in campo, niente cerimonia e niente stretta di mano. Per quanto riguarda le trasferte, se esse sono in autobus non ci dovranno essere soste ed è meglio pensare a due mezzi per la squadra, se si svolgono in treno dovrà essere adibita un’intera carrozza precedentemente sanificata.

Per quanto riguarda tutto il personale che avrà accesso allo stadio durante le partite, tra cui un ridotto numero di giornalisti, previsti all’ingresso la misurazione della temperatura, con divieto di accedere al complesso se fosse superiore ai 37,5°, e presentazione di autocertificazione che attesti di non aver avuto sintomi Covid, o di essere stato vicino a persone positive, negli ultimi 14 giorni


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento