Nuovo stadio vs il traffico e parcheggi selvaggi. Slitta il museo basket. News per il Paladozza. La Bologna dello sport cambia pelle

L’assessore Lepore fa il punto sui maggiori progetti in campo. Si dice “rassicurato sulla credibilità dell’operazione” per il restyling del Dall'Ara e spiega quali saranno i prossimi passaggi fino al cantiere. E il basket? Annuncia il rinvio del progetto del museo, mentre per il Paladozza si pensa a una nuova destinazione

Oltre alle azioni allo studio per sostenere lo sport di base - che si preannuncia incerto vista la mannaia del Covid - Bologna guarda anche al comparto agonistico. Sia il mondo del calcio che quello del basket hanno ambiziosi progetti in cantiere. Sullo  stato dei lavori fa il punto l'assessore allo Sport del comune di Bologna. Matteo Lepore che ha infatti illustrato i prossimi passi del progetto legato al nuovo stadio, affermando come questa sia un'occasione per risolvere i nodi del traffico e del parcheggio selvaggio durante le partite. Ma ci ha parlato anche del Basket, di come il Paladozza potrà essere utilizzato se Virtus e Fortitudo lo lasceranno per un anno e del nuovo museo del basket che, a causa del coronavirus, bisognerà aspettare il 2021 per l'inaugurazione. 

Assessore, sul nuovo stadio è stata siglata la partnership con Fincantieri. Quali saranno i prossimi passaggi? 

"Il Bologna fc ha trovato per il progetto un partner molto importante che è Fincantieri, questo ci rassicura sulla credibilità dell’operazione. Nei prossimi giorni questa compagine dovrebbe presentare alla giunta il progetto in maniera definitiva. Questo ci permetterà di avviare l’iter ed esprimerci attraverso il voto sull’interesse pubblico della cosa consegnando le nostre osservazioni e di conseguenza facendo partire il percorso che ci porterà alla gara e al cantiere una volta individuato il progetto migliore.

Il progetto prevede sicuramente una riqualificazione delle aree attorno anche per i parcheggi ma dobbiamo cogliere l’occasione anche per affrontare una volta per tutte il nodo dell’area intorno allo stadio dicendoci che in tutti gli stadi europei le persone raggiungono l’impianto a piedi o con i mezzi pubblici quindi le auto saranno un mezzo residuale per andare alle patite. Per questo motivo abbiamo 2 anni di fronte per confrontarci con la cittadinanza e il quartiere per affrontare questi problemi che sono già da tempo sul tavolo e che bisogna risolvere per far che questo impianto sia all’altezza delle previsioni. Già adesso le persone vanno a piedi o in auto. Ci sono 3/4000 automezzi che vengono da fuori, soprattutto per gli abbonati che vivono fuori città. La maggior parte dei bolognesi invece viene con i mezzi pubblici o a piedi.

Il traffico e il parcheggio selvaggio nella zona Barca o su viale Gandhi è la vera criticità da sempre. Abbiamo sperimentato con le partite dell’Italia dell’under 21 della scorsa estate delle modalità diverse di gestione dei parcheggi e dell’arrivo dei pulman dei tifosi. Già da quest’anno si dovrebbero avviare delle sperimentazioni per gestire in modo diverso il parcheggio delle auto nell’area. E’ chiaro che serve un trasporto pubblico più efficiente e più adeguato alla domanda. Ne parleremo con l’assessore alla mobilità.

Riguardo al Basket invece, la Fortitudo si avvia a fare il campionato nella Unipol Arena. E’ tutto pronto? E del Paladozza che ne sarà?

“Sì, suppongo che sia tutto pronto all'Unipol anche perché hanno annunciato di aver firmato il contratto. Il Paladozza avrà una nuova destinazione. Per questo 2020 se anche la Virtus giocasse fuori dal Paladozza, siamo pronti a riempire il Paladozza di attività culturali o di altri sport”

E invece per il museo del basket. A Che punto siamo?
“Stiamo andando avanti ma la procedura per assegnare i lavori si è fermata causa Covid come tutti gli appalti e quindi non riusciremo ad inaugurarlo nel 2020 ma nel 2021.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

Torna su
BolognaToday è in caricamento