menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto pagina ufficiale Facebook Virtus Bologna

Foto pagina ufficiale Facebook Virtus Bologna

Eurocup | Virtus Bologna-Unics Kazan 100-107: Segafredo dice addio alla finale e al sogno Eurolega

Si conclude nel peggiore dei modi l’avventura europea della Virtus, che crolla sotto i colpi chirurgici di Kazan

Aveva illuso il buon inizio della Virtus Bologna, che alla lunga deve però arrendersi agli Unics Kazan. Gli uomini di Djordjevic approcciano bene alla gara, ma perdono via via il controllo del match lasciando troppo spazio ai tiri degli avversari. Si conclude così una campagna europea che fino a Gara 2 era stata perfetta, con 19 vittorie su 19 gare. Kazan, dal canto suo, tira di più dal campo e soprattutto tira meglio: gli Unics realizzano con medie incredibili e approfittano sistematicamente delle maglie troppo larghe concesse dalla difesa di Segafredo.

Virtus Bologna-Unics Kazan, il racconto della partita

Parte bene Bologna e con lei parte benissimo Teodosic, che insacca due tiri da tre dopo poco più di un minuto di gioco. Kazan conferma la propria solidità e la propria efficacia nei tiri liberi (4/4 nel primo quarto). Segafredo invece dimostra la solita fragilità quando si parla di palle perse, le quali spesso concedono sanguinose ripartenze agli Unics. Bene Begovic: dopo i pochissimi minuti collezionati in Gara 1 e in Gara 2, il giocatore di origine bosniaca gioca tanto e bene, mettendo a segno quattro punti nel solo primo quarto. I primi dieci intensi minuti di gioco terminano sul punteggio di 21-21.

Inizio di secondo periodo a ritmi decisamente più bassi. Bene Belinelli che infila i suoi primi 7 punti della partita nei cinque minuti di gioco iniziali. A metà quarto arriva un infortunio tra le fila di Kazan, con Morgan che abbocca ad una delle solite finte del Beli: la gara dell’ex Virtus Roma termina purtroppo qui. 
Sensazioni positive per Segafredo durante il secondo quarto, le cui fortune passano spesso e volentieri dalle mani di Teodosic e di Belinelli. Bomba da tre per Markovic a due dalla fine ma Kazan risponde infilandone 4/4 dalla lunetta. Dopo i due liberi messi a segno da Belinelli – i primi della gara – il secondo periodo si conclude con la Virtus in vantaggio per 48-46.

Terzo quarto decisamente negativo per Segafredo che subisce l’impeto atletico di Kazan: i russi bombardano la difesa emiliana e realizzano con una precisione incredibile, specialmente con Smith e Brown. La Virtus non molla e si fa vedere in fase offensiva soprattutto con il solito Teodosic, ma l’imprecisione nei tiri liberi e una difesa troppo morbida costano ai bianconeri un severo 67-73.

La lampadina Virtus si è spenta e purtroppo non si riaccende nel quarto ed ultimo quarto, probabilmente il più importante di tutta la stagione. Smith e il resto degli uomini di Kazan continuano a realizzare con una media mostruosa (48% da tre, 62% da due e 91% dalla lunetta a fine gara). I bianconeri provano a reagire senza mai però riuscire a prendere le misure ai russi. Nonostante gli sforzi di Teodosic e di Belinelli – i migliori sul parquet tra le fila di Segafredo – la Virtus deve dire addio alla finale di Eurocup e, tristemente, al sogno Eurolega. 

Foto pagina ufficiale Facebook Virtus Bologna

-> Tutti i risultati sportivi dei campionati locali

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento