Comune

Centri estivi per bambini: agevolazioni dal Comune in base all'Isee

Qust'anno nuova procedura per la selezione dei soggetti organizzatori. Ecco le novità per l'estate 2014

La  fine  della  scuola  si  avvicina,  l'estate  è alle porte e Bologna si prepara  a  organizzare  tante  iniziative  che  rappresentano  opportunità educative,  ludiche  e  ricreative  per  bambine  e  bambini,  ragazze e ai ragazzi, dai 3 ai 14 anni, che trascorrono l'estate in città.
Sono  molti  i  soggetti  che  si  impegnano  nell'organizzazione di queste iniziative  per  fare diventare Bologna luogo di vacanza con spazi dedicati ai  bambini  e  ai  ragazzi,  nei  quali proporre opportunità di crescita   nel   pieno   riconoscimento   del   gioco  come  diritto  e  la socializzazione  come  opportunità  formativa.  L'obiettivo  primario è far vivere  esperienze  nuove  e  piacevoli,  ma  anche socialmente educative e formative,  in  un  contesto  sicuro  e  favorevole  per  lo sviluppo della fantasia e della creatività.

Da diversi anni il Comune di Bologna ha sviluppato un modello organizzativo basato  sulla  sussidiarietà, attraverso lo strumento della coprogettazione con  i  soggetti  del privato sociale. Anche quest'anno, quindi, con alcune importanti  novità  rispetto  agli  anni  scorsi,  il Comune ha promosso la definizione  di un'offerta qualificata di opportunità, organizzate non solo in spazi comunali, prevalentemente scuole, ma anche in spazi privati.

Per la prima volta, per poter rientrare nel sistema di offerta promosso dal Comune,  i  soggetti,  anche  quelli  che  organizzano le attività in spazi privati,  sono  stati  selezionati  attraverso  un avviso pubblicato da Asp Irides,  da  anni  partner del Comune nell'organizzare l'offerta dei centri estivi  comunali,  tenendo  conto  di  particolari requisiti in merito alle condizioni  organizzative  e  progettuali, necessari a garantire un'offerta qualificata  (presenza di un progetto educativo e di personale qualificato, sistema tariffario diversificato e altro).

La  selezione  si è conclusa qualche settimana fa. Sono stati già pubblicati online  (sul sito del Comune) gli elenchi  di  tutte le iniziative estive selezionate, che per la prima volta comprendono  non solo iniziative che si realizzano in strutture comunali ma anche che operano in strutture private. Le  iscrizioni  sono  già  aperte e sono raccolte direttamente dai soggetti gestori.

Altra  importante  novità  è l'introduzione di un contributo economico alle famiglie  per   l'accesso alle diverse opportunità dei bambini della fascia di  età 3-11 anni, che potrà coprire parzialmente la retta di frequenza. Il contributo è collegato all’ISEE delle famiglie, se inferiore a 14.000 euro, e  va  da  10 a 60 euro a settimana. Negli anni scorsi il contributo veniva assegnato  solo  alle  famiglie  con  ISEE  inferiore  a  6.000  euro  e si aggiungeva  ad  un ulteriore contributo, riconosciuto al gestore del centro estivo  a  parziale  copertura  dei  costi di gestione e uguale per tutti i bambini, indipendentemente dalla fascia ISEE di appartenenza.
Tutte   le   informazioni  sulle  iniziative  offerte, sulle modalità di iscrizione e di richiesta del contributo a parziale copertura delle tariffe sono  reperibili  sul  sito  web  del Comune di Bologna e di Asp Irides. E’ inoltre possibile chiedere informazioni ai Quartieri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centri estivi per bambini: agevolazioni dal Comune in base all'Isee

BolognaToday è in caricamento