Tares, pagamento del saldo entro il 16 dicembre: tutte le informazioni utili

Il mancato o insufficiente pagamento entro la scadenza comporterà l'emissione di avviso di accertamento con aggravio di spese, oltre all'eventuale erogazione di sanzioni secondo le disposizioni di legge

Dalla  mattina  di  venerdì 13 è possibile per i contribuenti scaricarsi da Iperbole l'avviso di pagamento del saldo Tares. Il  percorso  è  il  seguente:  accedere  al  sito  del Comune di Bologna (comune.bologna.it  -  sezione  Servizi  on  line  - Servizi Tributari - Ristampa  Avviso  Tares),  utilizzando  come  credenziali  per l’accesso il codice  fiscale  e il pin comunicati al cittadino con l'avviso di pagamento di acconto e/o saldo.

Il  versamento deve essere effettuato entro il 16 dicembre 2013  tramite  il  modello  F24  precompilato allegato all’avviso, pagabile presso  banche e poste, anche in via telematica, senza commissioni a carico del contribuente.
Il mancato o insufficiente pagamento entro la scadenza del 16 dicembre 2013 comporterà  l'emissione  di  avviso  di accertamento con aggravio di spese, oltre all'eventuale erogazione di sanzioni secondo le disposizioni di legge.

In  caso  di  smarrimento  è  possibile  richiedere copia dell'avviso e del modello F24, anche via e-mail, all'UfficioTarsu/Tares:TassaRifiuti@comune.bologna.it. E' possibile effettuare il versamento anche tramite  bollettino postale Tares – c/c 1011136627 - disponibile presso gli uffici Postali (commissioni allo sportello €1,30 - per chi ha compiuto i 70 anni di età commissioni 0,70 euro).

E'  inoltre  disponibile  il  servizio  SPORTELLO  AMICO, presso gli Uffici Postali      individuabili      dal      sito     di     Poste     Italiane poste.it/altri_servizi/sportello-amico.shtml. Presso lo Sportello Amico è  possibile  ottenere,  fornendo  codice fiscale o partita IVA, una stampa riportante la sintesi della posizione debitoria.

Con  il  saldo  Tares  2013,  unitamente  al Tributo sui rifiuti dovuto per l'anno  2013, conguagliato al netto dei pagamenti già acquisiti in acconto, viene  integralmente  liquidata  la Maggiorazione sui servizi indivisibili, introdotta  dall'art.14  comma  13  D.L.201/11, pari ad euro 0,30 per metro quadrato  e  destinata  allo  Stato.  Pertanto, in assenza di modifiche che incidano sull'ammontare del tributo (variazioni di superficie, richieste di riduzioni o agevolazioni, ecc.) il maggior importo dovuto a titolo di Tares 2013   rispetto  alla  Tarsu  liquidata  nel  2012  è  da  addebitare  alla Maggiorazione sui servizi indivisibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento