Salute

Chikungunya, malattia virale: informazioni utili

La chikungunya è una malattia virale. Ecco quali i sintomi che si porta dietro, le modalità di contagio e di prevenzione

La chikungunya è una malattia virale caratterizzata da febbre acuta e trasmessa dalla puntura di zanzare infette. Anche a Bologna, di recente, è stato riscontrato un caso di contagio (con relativa attuazione di misure straordianrie di profilassi).

Sintomi. Come spiega il Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute, dopo un periodo di incubazione di 3-12 giorni, si manifesta una sintomatologia simil-influenzale che include febbre alta, brividi, cefalea, nausea, vomito e soprattutto importanti artralgie (da cui deriva il nome chikungunya, che in lingua swahili significa "ciò che curva" o "contorce"), tali da limitare molto i movimenti dei pazienti che quindi tendono a rimanere assolutamente immobili e assumere posizioni antalgiche.
Si può sviluppare anche un esantema maculopapulare pruriginoso. Il tutto si risolve spontaneamente, in genere in pochi giorni, ma i dolori articolari possono persistere anche per mesi.
Le complicanze più gravi sono rare e possono essere di natura emorragica (ma non in modo così grave come nella dengue) entro 3-5 giorni, o neurologica, soprattutto nei bambini. In rarissimi casi la chikungunya può essere fatale, più che altro in soggetti anziani con sottostanti patologie di base.

Contagio. Il virus responsabile della chikungunya appartiene alla famiglia delle togaviridae, del genere degli alphavirus. È trasmesso dalle zanzare del genere Aedes, come Aedes aegypti (la stessa che trasmette la febbre gialla e la dengue) ed è presente soprattutto in zone rurali, mentre è raro o addirittura assente in vicinanza dei centri abitati.
Un altro importante vettore è Aedes albopictus, comunemente chiamata zanzara tigre. Inoltre anche varie specie del genere culex, sono state indicate come potenziali vettori per questo agente virale.

Prevenzione.La prevenzione della malattia consiste innanzitutto dell’impedire o ridurre al minimo le punture delle zanzare. Sarà utile quindi per coloro che intendano recarsi in zone epidemiche seguire le precauzioni generali per difendersi dalle punture delle zanzareti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chikungunya, malattia virale: informazioni utili

BolognaToday è in caricamento