Salute

Ospedale Vergato, in funzione la nuova Tac e nuova area dedicata

Per l’installazione della nuova TAC presso il servizio di Radiologia dell’Ospedale è stata realizzata un’area dedicata di 120 metri quadrati, appena completata, che ospita anche la sala comandi, quella per la refertazione e la sala d’attesa

E’ un uomo di 83 anni, residente a Vergato, il primo cittadino che ha utilizzato la nuova TAC multistrato a rotazione continua, inaugurata lo scorso 1 marzo all’Ospedale di Vergato. La prima indagine diagnostica, una TAC al torace, è stata eseguita il 19 maggio.

Per l’installazione della nuova TAC presso il servizio di Radiologia dell’Ospedale di Vergato è stata realizzata un’area dedicata di 120 metri quadrati, appena completata, che ospita anche la sala comandi, quella per la refertazione e la sala d’attesa.

La nuova TAC è stata donata dall’Associazione “Onlus Per la Vita” grazie alla generosità dei cittadini e delle Associazioni presenti sul territorio, che a partire dal 2010 hanno raccolto quasi 236 mila euro, 186 mila dei quali utilizzati per l’acquisto dell’apparecchiatura, 50 mila come contributo per la realizzazione dell’area dedicata.

La nuova apparecchiatura amplia e completa l’offerta di diagnostica per immagini della Radiologia dell’Ospedale di Vergato e si affianca a quella già presente all’Ospedale di Porretta Terme, analoga per tipologia e qualità delle immagini.
Entrambe sono del tipo a rotazione continua multistrato e consentono, per ogni rotazione, l’acquisizione di immagini a 16 strati, ciascuna delle quali di spessore inferiore a 1 mm. La velocità massima di rotazione, di 0,5 secondi per ogni giro, permette di acquisire in 1 secondo immagini a 32 strati ad alta risoluzione (1024x1024 pixel) e ad alta velocità (20 immagini/secondo). Queste performance assicurano una capacità diagnostica ottimale anche per la valutazione di elementi e dettagli di piccole dimensioni.
La nuova TAC di Vergato è dotata dei più avanzati programmi di analisi bidimensionale e di ricostruzione tridimensionale, compresa l’endoscopia virtuale che consente di navigare all’interno degli organi studiati. Grazie ad avanzati dispositivi hardware e software, la TAC opera con la minima emissione possibile di radiazioni, riducendo in questo modo i rischi connessi a questo tipo di indagine diagnostica, tanto per i pazienti che per gli operatori.
Nel corso del 2013 le Radiologie degli Ospedali di Vergato e Porretta Terme hanno eseguito, rispettivamente, 20.838 e 21.415 esami diagnostici, 6.632 dei quali TAC (Ospedale di Porretta Terme).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale Vergato, in funzione la nuova Tac e nuova area dedicata

BolognaToday è in caricamento