Bimba morta nel fiume Reno, la tragedia in pochi minuti

L'autospia chiarirà le cause del decesso. Il fascicolo sul tavolo del pm Lazzarini

Sarà l'autopsia a chiarire le cause della morte di Blessing Okojie, bambina di sette anni deceduta ieri mentre era nelle acque del fiume Reno, in località Molino del Pallore, comune di Alto Reno Terme. Il pm di turno Flavio Lazzarini sta seguendo il caso, mentre i carabinieri di Vergato stanno eseguendo gli accertamenti necessari.

La piccola, originaria di Pistoia, era in compagnia di decine di altri ragazzi di un centro estivo organizzato da una parrocchia pistoiese, giunta in mattinata per una giornata in riva al fiume. La tragedia si sarebbe consumata in pochi minuti, quando la bambina è stata vista inerme dentro un avvallamento di 50 cm di acqua. Subito sono iniziate le manovre rianimatore da parte degli operatori -formati all'uopo. Sul posto è poi arrivato anche un elisoccorso con medico e infermiere ma per la bambina non c'era già più nulla da fare, morta durante il tragitto verso l'ospedale di Porretta. Al momento quasi tutte le ipotesi sono aperte, e proprio per questo l'esame autoptico potrà definire meglio la dinamica dell'accaduto. Stando a quanto si apprende i piccoli non avevano ancora mangiato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

Torna su
BolognaToday è in caricamento