Blocco diesel Euro 4, il fronte si incrina: due comuni annunciano deroghe

In due municipi della cintura bolognese, interessati peraltro dal referendum sulla fusione, annunciano che non applicheranno il contestato divieto ai mezzi più recenti

I Comuni di Castenaso e Granarolo, in provincia di Bologna, spaccano il fronte anti-smog e non seguono il piano aria della Regione Emilia-Romagna, consentendo a partire da domani la circolazione anche ai diesel euro 4, bloccati invece nel resto del territorio bolognese e regionale in virtù appunto delle misure contro l'inquinamento decise da viale Aldo Moro insieme agli stessi Comuni.

Blocco al traffico, le strade senza divieti

"Una deroga doverosa", afferma il sindaco di Castenaso, Stefano Sermenghi. I due Comuni, si legge sulla pagina ufficiale dell'amministrazione di Castenaso su Facebook, "la pensano allo stesso modo: limitazioni del traffico si', ma non così 'eccessivamente penalizzanti'".

Per questo da domani, giovedì 4 ottobre, a Castenaso e Granarolo "si 'addolciscono' le restrizioni previste dal Piano aria regionale Pair 2020. Nella fascia del blocco (dal lunedi' al venerdi', dalle 8.30 alle 18.30) sarà consentita la circolazione anche agli autoveicoli diesel euro 4. Il divieto previsto dal piano aria è stato infatti ritenuto eccessivamente penalizzante, in considerazione inoltre dell'assenza di un provvedimento simile nelle altre regioni della Pianura Padana".

La deroga -scrive una nota congiunta dei due municipi -però non sarà in vigore se il bollettino di qualità dell'aria emesso da Arpae nei giorni di lunedì e giovedì evidenzi nei 4 giorni precedenti e consecutivi uno sforamento continuativo del valore limite giornaliero.

I più maliziosi non possono non vedere la identica sovrapposizione sulla cartina metropolitana tra i comuni dell'annunciata deroga e i municipi interessati dal referendum sulla fusione di domenica prossima. E la Lega ne approfitta, con il consigliere regionale Daniele Marchetti che ha gioco facile nell'incalzare la maggioranza di viale Aldo Moro.

“La volontà che sottende la decisione dei Comuni Pd di Castenaso e Granarolo è esclusivamente quella di conquistare la simpatia dei rispettivi cittadini che fra pochi giorni saranno chiamati ad esprimersi nel referendum sulla fusione” attacca il consigliere del Carroccio che definisce peraltro il via libera ai diesel euro 4 “un mero spot elettorale, che creerà solo confusione nei cittadini e rimarrà soltanto sulla carta”.

Potrebbe interessarti

  • La mappa degli outlet a Bologna: dove fare ottimi affari

  • Ogni quanto vanno lavate le lenzuola?

  • Accadde oggi: il 24 giugno crollò la Rupe di Sasso

I più letti della settimana

  • Possibili temporali in arrivo, diramato bollettino di allerta dalla protezione civile

  • E' morto Gianluca 'Gaz' Galliani: tastierista dei 'Gaznevada

  • Maltempo, grandine in provincia: strade chiuse, auto distrutte e finestre in frantumi

  • Incendio in via Casoni: fiamme nella ex fabbrica officine Casaralta

  • Incidente a Funo di Argelato: schianto moto-furgone, un morto

  • Maltempo e grandine: "crivellate" le finestre di via Natali e via Weber

Torna su
BolognaToday è in caricamento