Casa e povertà: '4mila famiglie a rischio', l'allarme dell'Istituto De Gasperi

In un documento del centro studi si pone l'accento su migliaia di famiglie, da anni in graduatoria senza speranza di accedere alle case popolari. La proposta: 'Riadattare gli ex conventi'

A Bologna, "sono almeno 4.100 i nuclei regolarmente in graduatoria senza speranza di un alloggio", e per altri 3.400 un c'è un "bisogno abitativo meno acuto ma comunque presente" . Sono le stime di un documento prodotto dall'istituto De Gasperi sulla situazione abitativa a Bologna.

Nel rapporto che mette a confronto la situazione italiana con quella bolognse, sono messi nero su bianco i numeri della cosiddetta 'area grigia' ovvero "famiglie che, a seguito dello scoppio della crisi economica, si trovano in difficoltà crescente a pagare l’affitto o a rimborsare il mutuo", sino a correre il rischio di “scivolare” nella povertà assoluta. 

Al centro del report, anche la difficoltà crescente dell'edilizia pubblica di rispondere alla domanda di alloggi, difficoltà che nel tempo ha prodotto un calo nelle richieste stesse di un alloggio popolare. Oltre alla revisionie dei criteri di accesso alle graduatorie Erp -si legge nelle pagine del documento- "la rarefazione delle domande è imputabile anche ad una crescente sfiducia verso le istituzioni da parte di nuclei che ormai da anni accedono alle graduatorie senza ricevere l’assegnazione dell’alloggio o una risposta adeguata".

Nella parte conclusiva il documento prospetta alcune indicazioni riguardanti tutte le città e più specificamente Bologna, a partire dalla ricostituzione di un adeguato patrimonio di edilizia pubblica e da un uso più efficiente del patrimonio ERP esistente. Importante sotto entrambi i profili la possibilità dell’autorecupero degli alloggi carenti di manutenzione da parte degli assegnatari.

"Ma Bologna conclude la nota- conosce anche  un importante patrimonio di origine ecclesiastica, di proprietà di ordini religiosi o di enti pubblici e privati, un patrimonio talora esposto al degrado e poco utilizzato. A fianco degli enti pubblici in senso stretto si aprono così possibilità per altri soggetti, ciascuno con le sue regole, ma in un auspicabile quadro condiviso".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Adesso vediamo se la curia, che a Bologna ha migliaia di alloggi vuoti, fa qualcosa di concreto. Faccio notare che però gli assegnatari di alloggi pubblici talvolta non pagano l'affitto e non perché sono indigenti.

  • cacciate via tuttti gli extra da poco in italia...che si facciano mantenere dai fratelli musulmani....e le case agli italiani...

    • Sarebbe anche questo giusto. La.chiesa però fa ben poco di suo.

      • Mi dispiace caro Antonio, ma tu non conosci minimamente la realtà della Chiesa di Bologna riguardo ai senza tetto e a chi non riesce ad arrivare a fine mese. Prova a rompere i Ma--ni a un certo Merola, lui è bravissimo a tessere lodi su se stesso con i nostri soldi.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Pedopornografia, in manette 46enne bolognese: arresti e perquisizioni

  • Scuola

    Maturità, i ragazzi dopo la prima prova: "Tracce prevedibili, è andata bene"

  • Cronaca

    24enne molestata in via Rizzoli: le alza la gonna e la palpeggia in pieno centro

  • Cronaca

    Cagnolino legato nel terrazzo al sole, salvato da vigili e pompieri

I più letti della settimana

  • FOTONOTIZIA. Alberto Angela sulla Torre degli Asinelli

  • Poliziotto suicida in Questura: trovato morto nel suo ufficio

  • Maltempo, grandinata a San Lazzaro: si stacca lamiera, Coop chiusa

  • Trovato morto l'agente immobiliare scomparso da Sasso Marconi

  • Il nuovo bike sharing "Mobike": come funziona, i mezzi, le tariffe

  • Schianto auto-scooter a Monte San Pietro: morto un 46enne

Torna su
BolognaToday è in caricamento