Commercio abbigliamento Emilia-Romagna: "Nel post-Covid cali fino al 60 per cento"

In una indagine il 70% degli intervistati ha dichiarato una diminuzione e fra questi il 26% una diminuzione superiore al 40%, con punte superiori al 60%

Ripartenza lenta per il commercio un mese dopo la fine del lockdown. La Federazione Moda Italia in collaborazione con Confcommercio Emilia-Romagna e Iscom ha monitorato, attraverso un questionario, l'andamento del primo mese dalla riapertura dei negozi del settore, confrontando i dati con lo stesso periodo del 2019.

Hanno risposto in 100, il 65% del settore abbigliamento, intimo, sport, il 30% del comparto calzature e accessori, il 5% di altri beni persona. Particolare attenzione è stata dedicata alla rilevazione dell'utilizzo di ammortizzatori sociali e di altre forme di aiuti, ed è stato anche analizzato il rapporto con i fornitori.

"Purtroppo viene sostanzialmente confermato il dato rilevato dopo una settimana dall'apertura in relazione al confronto fra gli incassi: il 70% degli intervistati ha dichiarato una diminuzione e fra questi il 26% una diminuzione superiore al 40%, con punte superiori al 60%, solo il 23% ha riscontrato dati stabili. Il 50% degli operatori ha applicato sconti, normalmente fino al 30%", chiarisce Federazione Moda.

Quanto all'utilizzo degli ammortizzatori sociali durante il lockdown per i lavoratori del settore, il 44% non ha lavoratori dipendenti, mentre il 45% degli intervistati ha richiesto la cassa integrazione in deroga, il 3% il fondo di integrazione salariale e solo l'8%, pur avendone diritto, non ha richiesto gli ammortizzatori. Solo il 20% degli intervistati non ha richiesto aiuti finanziari, metà perché non ne aveva bisogno e gli perché spaventati da eccesso di burocrazia e dai tempi lunghi di perfezionamento delle pratiche.

Fra coloro che hanno richiesto aiuti finanziari solo il 5% ha avuto il respingimento della richiesta, il 28% non ha incontrato particolari problemi mentre i rimanenti si sono scontrati con eccessi di burocrazia e soprattutto tempi troppo lunghi (il 50% ha lamentato questo problema).

I fornitori, invece, hanno concordato solo parzialmente dilazione dei pagamenti, sconti sulla merce e una ridefinizione degli ordini. "Si sta ripartendo con grande difficoltà. Diventano assolutamente necessari aiuti concreti e sostegni significativi da parte dell'intero sistema per evitare un autunno tragico per moria di imprese e tenuta occupazionale: da parte dello Stato servono veri contributi a fondo perduto ed una modifica della fiscalità d'impresa", scandisce Marco Cremonini, presidente di Federazione Moda Italia Emilia-Romagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le banche devono garantire maggiore liquidità in tempi molto più rapidi e i fornitori devono entrare in una logica di responsabilità di filiera per distribuire in modo equo su tutti i protagonisti del settore l'enorme peso di questa crisi sanitaria ed economica", conclude. (Vor/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Focolai covid a Bologna: l'attenzione si sposta all' ex hub di via Mattei

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Mordano, forzano il posto di blocco e investono un Carabiniere: ricercati per tentato omicidio

Torna su
BolognaToday è in caricamento