Morta incinta a 24 anni, aperto fascicolo in procura

A occuparsi del caso la pm Rossella Poggioli. I primi riscontri escludono morte violenta o errori medici

Si indaga con l'ipotesi di interruzione di gravidanza per la morte della 24enne che il 6 novembre scorso venne trovata agonizzante e portata in fin di vita al Maggiore di Bologna. Contrariamente a quanto riportato in precedenza, sembra che la 24enne, cittadina moldava che conviveva con il compagno in un appartamento a Bologna, avrebbe lottato tra la vita e la morte per qualche giorno in ospedale, prima di spegnersi. A chiamare i soccorsi quel giorno fu proprio il marito della donna, allarmato da una telefonata.

Il fascicolo aperto in procura è a carico di ignoti e del caso si occupa la pm Rossella Poggioli. In base ai primi riscontri effettuati con l'autopsia il corpo non presenta segni di atti violenti e dalle cartelle cliniche si esclude qualsiasi colpa nei confronti dei medici che hanno soccorso la 24enne. L'esame tossicologico chiarirà invece se la donna abbia assunto alcuni farmaci trovati nella casa di lei, che potrebbero avere portato a un aborto spontaneo oppure volontario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento