Imola, mostra targhe d'epoca all'Autodromo, la Finanza sequestra 15mila 'pezzi'

Insegne pubblicitarie, oggetti d’arredo, oggetti in ceramica, adesivi resinati e patch di famose case automobilistiche

Foto: Guardia di Finanza

15mila prodotti, tra insegne pubblicitarie, oggetti d’arredo, oggetti in ceramica, adesivi resinati, patch sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Bologna, durante la “Mostra scambio CRAME 2018”, svoltasi nello scorso week end presso l’”Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari” di Imola.

I 'falsi' recavano i segni distintivi di note case automobilistiche, tra cui “Ferrari”, “Lamborghini”, “Porsche”, “Maserati”, “Mercedes”, “Jaguar”, “Alfa Romeo” ed altri marchi registrati quali “VR46”, “46 The Doctor”, “Adidas”, “Vespa”, “Harley Davidson”.

Alla fine delle operazioni sono stati denunciati, un cittadino italiano e un cittadino della Repubblica Ceca, per contraffazione. Gli articoli sequestrati avrebbero permesso di realizzare un illecito profitto per oltre 50mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Coronavirus: riminese ricoverato, aveva volato dal Marconi. Positivo anche un altro passeggero dello stesso volo

  • Coronavirus Emilia Romagna, le scuole restano chiuse? Venturi: "Ancora non si è deciso"

Torna su
BolognaToday è in caricamento