Largo Lercaro: si "bucano" nel cortile di una scuola, denunciati un 18enne e un minore

Scelta davvero inopportuna quella di due giovanissimi: il cortile di una scuola elementare per 'farsi' una dose di eroina

Semmai ne esistesse uno "indicato", scelta davvero inopportuna quella del cortile di una scuola elementare per 'farsi' una dose di eroina.

Due giovanissimi tossicodipendenti, sorpresi sabato pomeriggio a Bologna dai carabinieri: 18enne e un 17enne, entrambi bolognesi, denunciati per invasione di terreni e segnalati alla Prefettura per uso personale di stupefacenti.

I militari hanno notato due intrusi nell'area giochi della scuola elementare Don Milani in Largo Lercaro, durante un giro di controllo. I due erano intenti a riscaldare con un accendino due contenitori in alluminio, con all'interno una sostanza liquida che le analisi hanno poi confermato essere eroina.

Dopo l'identificazione e la denuncia, i due sono stati lasciati liberi e il minorenne riaffidato ai genitori.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Incidente a Molinella: schianto in moto, morto giovane centauro

    • Cronaca

      Mappa della Bologna del sesso a pagamento: “Boom online, rischio sfruttamento invisibile”

    • Cronaca

      Via Dagnini: assalto esplosiovo al bancomat Unicredit, ladri a mani vuote

    • Cronaca

      Fertility-Day, Lorenzin chiede creativi gratis. La categoria: "Mancanza di rispetto"

    I più letti della settimana

    • Ragazza di 25 anni morta sulla A1: il suo cellulare filma gli ultimi istanti

    • E' morto Tommaso Tori: lottava contro la leucemia, per lui una gara di solidarietà

    • Intossicazione da cannabis, bimba di 10 mesi grave al Maggiore

    • Incidente a Molinella: schianto in moto, morto giovane centauro

    • Mappa della Bologna del sesso a pagamento: “Boom online, rischio sfruttamento invisibile”

    • Valsamoggia, incidente sulla A1: si ribalta e muore a 25 anni

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento