Largo Lercaro: si "bucano" nel cortile di una scuola, denunciati un 18enne e un minore

Scelta davvero inopportuna quella di due giovanissimi: il cortile di una scuola elementare per 'farsi' una dose di eroina

Semmai ne esistesse uno "indicato", scelta davvero inopportuna quella del cortile di una scuola elementare per 'farsi' una dose di eroina.

Due giovanissimi tossicodipendenti, sorpresi sabato pomeriggio a Bologna dai carabinieri: 18enne e un 17enne, entrambi bolognesi, denunciati per invasione di terreni e segnalati alla Prefettura per uso personale di stupefacenti.

I militari hanno notato due intrusi nell'area giochi della scuola elementare Don Milani in Largo Lercaro, durante un giro di controllo. I due erano intenti a riscaldare con un accendino due contenitori in alluminio, con all'interno una sostanza liquida che le analisi hanno poi confermato essere eroina.

Dopo l'identificazione e la denuncia, i due sono stati lasciati liberi e il minorenne riaffidato ai genitori.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Botte, sputi e insulti sull'autobus: donna 37enne da' in escandescenza sul 27

    • Cronaca

      Rapina in Bolognina: 91enne gettata a terra e derubata in pieno giorno

    • Cronaca

      Sicurezza: l'imposta di soggiorno finanzia nuove illuminazioni e telecamere

    • Cronaca

      Ingresso con badge, parla la biblioteca: "Pronti a parlarne, ma serve rodaggio"

    I più letti della settimana

    • Viabilità, via preferenziali e moto 'libere', ma più telecamere e Scout

    • Ragazza scozzese multata sul bus, Tper replica: "Due versioni differenti"

    • Consegna posta a giorni alterni: 15 giorni per le raccomandate e bollette scadute

    • Pose sexy e allusioni sessuali con le opere della mostra: guai per dei selfie

    • Incidente a San Giovanni in Persiceto: perde il controllo del camion e si schianta, grave 59enne

    • Tornelli in Stazione Centrale: via libera dalle ferrovie

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento