Vergato: imbrattata con letame la statua di Ontani e la facciata del municipio

Vandali in azione questa notte, il sindaco: "Hanno offeso una comunità". Oggi alle 18 sfila un corteo silenzioso

Statua e municipio imbrattati

Che la statua di Ontani appena inaugurata non mettesse tutti d'accordo era palese, ma a Vergato mai nessuno si sarebbe immaginato quanto accaduto stanotte. Vandali infatti, hanno imbrattato con del letame  l'opera dell'artista Luigi Ontani e parte della facciata del Comune.

L'opera, posizionata davanti alla stazione dei treni di Vergatorappresenta un fauno adulto (simbolo del fiume Reno) con un putto sulle spalle (simbolo del Torrente Vergatello) mentre la testa maestosa e severa di un vecchio Tritone (incarnante l’Appennino) si erge dal fondo della vasca circolare cingendo l’intera l’opera. Infine l’uovo su cui poggia il gruppo centrale è un riferimento al monte sacro Montovolo, caro all’artista. 

comune vergato imbrattato letame_foto I. Traditi (1)-2

I vandali sono entrati in azione questa notte, e alle prima luci dell'alba alcuni residenti si sono resi conto di quanto accaduto. Immediata la reazione del sindaco Massimo Gnudi, che attraverso un post Facebook spiega: "Questa notte qualche delinquente oscurantista ha imbrattato di letame la fontana di Luigi Ontani e il municipio comunale. Contiamo che gli inquirenti sappiano trovare gli autori di questo gesto vile e vigliacco, anche utilizzando le tecnologie di videosorveglianza. Avevamo paventato il rischio che chi semina odio poi raccoglie violenza, purtroppo ne abbiamo avuto conferma. A queste persone rispondiamo che non hanno offeso solo un'artista. Hanno offeso un'interà comunità. Ma Vergato non si lascerà intimidire - si legge -  Oggi pomeriggio alle 18 un corteo silenzioso dalla piazza Capitani della Montagna si muoverà verso la Stazione per chiedere di mettere giù le mani dal nostro patrimonio artistico. Invitiamo a partecipare tutti quelli che hanno a cuore la libertà di espressione. Qualunque sia l'orientamento politico o religioso o il gusto personale artistico, invitiamo tutti ad una risposta civile. Non stiamo difendendo solo l'arte, stiamo difendendo la democrazia".

Su quanto accaduto questa notte sono state informate già le autorità competenti, che stanno visionando le telecamere di videosorveglianza per risalire ai responsabili.

Entra nella querelle anche il sindaco metropolitano Virginio Merola. "Nel 2019 non credo possano accadere cose del genere: "I surreali attacchi di questi giorni all’opera d’arte inaugurata a Vergato nelle scorse settimane hanno, purtroppo prevedibilmente, portato al gesto di questa notte. Sono vicino al sindaco Gnudi e alla comunità di Vergato". Coosì il primo cittadino di Bologna, aggiungendo: "Spero che il responsabile del gesto ignorante venga individuato grazie alle telecamere di sorveglianza e spero che questo pomeriggio alle 18 siano in tanti al “corteo silenzioso” organizzato dal sindaco Gnudi per chiedere di mettere giù le mani dal nostro patrimonio artistico".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

Torna su
BolognaToday è in caricamento