Metalcastello al tavolo con le istituzioni per sostenere l’eccellenza dell’Alta Valle del Reno

Aziende e istituzioni devono lavorare in sinergia per garantire gli standard qualitativi richiesti dal mercato, per continuare a competere a livello globale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Riunire i rappresentanti di otto comuni attorno a un tavolo per affrontare un argomento positivo è già di per sé un'ottima notizia. Se poi il tema della giornata è "Superare la crisi con l'eccellenza" e la sede un'azienda leader mondiale nel proprio settore - la produzione di ingranaggi per trasmissioni meccaniche - si parla di un processo virtuoso che ha saputo coinvolgere il mondo del lavoro, le Istituzioni, il territorio, il mondo della scuola. Processo virtuoso che ha portato la Metalcastello di Castel di Casio - in provincia di Bologna - a invertire la tendenza - troppo diffusa tra le industrie che operano in Italia - a delocalizzare la produzione in paesi emergenti. E questo proprio grazie all'assoluta eccellenza dei propri processi produttivi e alla partecipazione di tutti gli attori coinvolti.

All'incontro erano presenti, oltre all'AD di Metalcastello Stefano Scutigliani: Romano Franchi (sindaco di Marzabotto), Elena Gaggioli (vice sindaco di Altoreno Terme con delega alle attività produttive e alla scuola), Maria Elisabetta Tanari (sindaco di Gaggio Montano), Elena Torri (sindaco di Lizzano in Belvedere), Massimo Gnudi (sindaco di Vergato), Patrizia Ornelli (Assessore di Grizzana Morandi al commercio e alle attività produttive), Alfredo del Moro (sindaco di Camugnano) e Mauro Brunetti (sindaco di Castel di Casio).

Nel giugno del 2014 i rappresentanti delle autorità locali si erano riuniti in Metalcastello per ascoltare dalla viva voce del management le iniziative che la società stava adottando per far fronte alla crisi di mercato e salvaguardare l'occupazione. Dopo solo due anni, grazie ad una attenta pianificazione ed a una strategia condivisa anche con i dipendenti dell'azienda, Metalcastello ha chiuso il bilancio 2015 con un utile di 1.4 milioni di euro. Nel corso dell'ultimo anno ha effettuato 30 nuove assunzioni e ha iniziato un percorso con gli istituti tecnici di Porretta e Bologna mirato a formare i tecnici del prossimo futuro, che saranno impiegati in azienda.

L'Amministratore Delegato di Metalcastello Stefano Scutigliani ha dichiarato: Nel ringraziare le istituzioni presenti a questo tavolo voglio confermare il mio impegno ad investire nel territorio, dando così un contributo fattivo allo sviluppo dell'alta valle del Reno. La responsabilità sociale d'impresa è uno dei valori strategici per la Metalcastello. Il forte impegno di questi ultimi anni e la condivisione degli obiettivi con i nostri dipendenti ci hanno consentito di fare fronte alla profonda crisi avuta dal settore metalmeccanico, in maniera rapida e decisa. Una mobilità senza cassa integrazione, chiusa in tempi record, combinata con modifiche dell'orario di lavoro e la flessibilità hanno consentito una ricaduta positiva attraendo nuove commesse che ci hanno spinto a realizzare nuovi investimenti. Oggi siamo ad un punto di svolta - ha proseguito Scutigliani -. Abbiamo convinto i clienti a spostare la produzione verso Metalcastello e ora dobbiamo mantenere l'eccellenza che abbiamo raggiunto. E' per questo che mi rivolgo alle Istituzioni, perché siano al fianco di aziende come la nostra, che hanno la necessità di infrastrutture eccellenti, scuole all'altezza e leggi adeguate. Sono convinto che se aziende e istituzioni lavoreranno in sinergia si potrà guardare al futuro con maggiore serenità.

LE VOCI DEGLI ALTRI RELATORI:

Mauro Brunetti (sindaco di Castel di Casio): "L'esempio della Metalcastello dovrebbe essere seguito anche da altre realtà imprenditoriali. Il confronto con le istituzioni è assolutamente positivo e momenti come quello di oggi sono fondamentali per lo sviluppo del territorio. Noi istituzioni abbiamo il dovere di impegnarci su queste tematiche."

Alfredo del Moro (sindaco di Camugnano): "E' positivo che una realtà come la Metalcastello abbia superato un momento difficile e oggi sia ritornata ad essere un'eccellenza del nostro territorio."

Elena Gaggioli (vice sindaco di Altoreno Terme con delega alle attività produttive e alla scuola): "Attraverso la Giornata della cultura tecnico-scientifica il Comune di Altoreno Terme intende incentivare la collaborazione tra scuola e imprese del proprio distretto manifatturiero. Questo tipo di attività è fondamentale per il mantenimento delle eccellenze nel nostro territorio"

Elena Torri (sindaco di Lizzano in Belvedere): "Abbiamo tutti la necessità di sentire buone notizie come quella della Metalcastello che ha superato la crisi. Ritengo sia necessario fare partire un progetto di territorio in cui aziende e istituzioni si incontrino con continuità definendo una lista di interventi."

Massimo Gnudi (sindaco di Vergato): "Finalmente non ci ritroviamo tutti attorno ad un tavolo per parlare di crisi. La vocazione manifatturiera e industriale del territorio deve essere preservata e sviluppata. A tal fine noi possiamo attivare innovazioni istituzionali come il Piano Strategico Metropolitano e il suo Focus Appennino."

Romano Franchi (sindaco di Marzabotto): "Sono d'accordo con Scutigliani quando parla di responsabilità sociale d'impresa. Un paese senza industria non può sostenersi e a tal fine dobbiamo affiancare le aziende che investono nel nostro territorio per capire quali siano le loro reali esigenze. Ad esempio: per ottimizzare gli investimenti in formazione che la Regione Emilia Romagna elargisce sul nostro territorio, si devono preventivamente coinvolgere le aziende, come la Metalcastello, uniche in grado di fare una reale mappatura dei fabbisogni formativi"

Maria Elisabetta Tanari (sindaco di Gaggio Montano): "Il nostro polo manifatturiero deve essere sostenuto e incentivato. Il rilancio del nostro territorio può passare anche attraverso azioni come quella che di recente abbiamo attivato con Unindustria per promuovere le opportunità insediative in campo industriale"

Patrizia Ornelli (Assessore di Grizzana Morandi al commercio e alle attività produttive): "Le realtà imprenditoriali devono dare indicazioni alle scuole affinché indirizzino i giovani verso quei settori che offrono sbocchi occupazionali. Le istituzioni devono favorire questo processo."

Profilo Metalcastello S.p.A.

Leader mondiale nella produzione di ingranaggi per trasmissioni meccaniche utilizzate in applicazioni che vanno dal settore delle macchine movimento terra, ai trattori agricoli per medie ed elevate potenze, ai veicoli industriali ed alle applicazioni navali, nasce a Porretta Terme nel 1952 su iniziativa di due imprenditori locali. Nel corso degli ultimi dodici mesi ha registrato un giro d'affari di circa 50 milioni di Euro e impiega circa 260 dipendenti negli stabilimenti di Castel di Casio e Gaggio Montano, in provincia di Bologna. Alla fine del 2014 è stata acquisita dal Gruppo CIE Automotive (colosso spagnolo tra i primi al mondo nel comparto dei componenti per il settore Automotive con stabilimenti in Nord America, Sud America, Europa ed Asia), entrando a far parte di un importante polo di fornitura di circa 2.5 miliardi di euro.

Torna su
BolognaToday è in caricamento