Rifiuti al Savena, ancora 12 mesi per sistemare 'calotte'

Il sistema di conferimento dei rifiuti indifferenziati verrà sostituito con un meccanismo automatico, ma occorrerà almeno un altro anno

Si allungano i tempi per la 'svolta' sui rifiuti a Bologna. Ovvero per l'introduzione della cosiddetta tariffa puntuale, quella che consentirà di pagare l'immondizia in base al consumo e non ai metri quadrati dell'appartamento. Hera ha chiesto a Palazzo D'Accursio un anno di tempo in più per completare il progetto di "riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani finalizzato all'applicazione della tariffa puntuale nel Comune di Bologna".

E di conseguenza l'amministrazione cittadina D'Accursio è stata costretta a chiedere una proroga alla Regione (concessa lunedì scorso con la delibera approvata dalla Giunta Bonaccini), che aveva assegnato un finanziamento di quattro milioni di euro sugli oltre otto milioni di spesa complessiva da parte di Hera.

Tutta colpa delle cosiddette calotte, sperimentate con scarso successo sui cassonetti della raccolta indifferenziata al Quartiere Savena e che ora dovrebbero diventare elettroniche. Il sistema, finora di tipo meccanico, "non è in grado di registrare ogni singolo conferimento", ma soprattutto ha "portato a significative contestazioni anche da parte dei cittadini".

Il problema principale riguarda "l'apertura e la chiusura della calotta viene azionata mediante l'utilizzo di una leva che deve essere usata manualmente- si spiega nella delibera regionale- il sistema costringe a un contatto con la leva e questa operazione viene contestata come non igienica e non funzionale se si hanno entrambi le mani impegnate". Inoltre, l'altezza della leva "in alcuni casi impedisce ad alcune fasce della popolazione il loro utilizzo, in particolare anziani e bambini". Infine, la calotta ha "frequenti necessita' manutentive".

Tutti questi problemi, si legge nella delibera della Regione, "inducono alcuni cittadini ad abbandonare il loro rifiuto a terra, con la necessità da parte di Hera di effettuare ulteriori passaggi per la rimozione dei sacchi e il conseguente incremento dei costi del servizio". Il Comune ha dunque chiesto a Hera "una soluzione diversa, che sia in grado di ovviare a tutte le criticita'" emerse.

La multiutility ha così avviato uno "studio per un modello ad hoc, partendo da un prototipo". Lo stesso gestore però ha messo in evidenza che "lo studio del prototipo di un nuovo contenitore, la sua realizzazione prototipale, la sperimentazione in strada e l'acquisizione delle attrezzature richiedono una tempistica di realizzazione più lunga rispetto a quella iniziale", fissata al 30 settembre 2018.

In altre parole, si legge in delibera, per "la modifica della fornitura del cassonetto con calotta Hera ha previsto in ulteriori 12 mesi il tempo necessario per dare ultimato l'intervento", spostando dunque la data di conclusione al 30 settembre 2019. Il Comune ha accolto la richiesta, dal momento che "l'esito positivo in termini di servizio dipende in buona misura dalla facilità e sicurezza di accesso al cassonetto e quindi dalla risposta positiva della cittadinanza". Per gli stessi motivi la Regione ha concesso la proroga, in deroga alla propria normativa in base alla quale poteva concedere al massimo altri 90 giorni di tempo per concludere l'intervento. (Dire)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Ritiro dell'indifferenziata solo 1 volta alla settimana (col costo della tassa alta) e' uno schifo ! Tra l'altro : dicono che i cassonetti era brutti da vedere .....perche' i sacchi abbandonati fuori dalle porte nel giorno del ritiro sono belli ?

  • Non ho capito perchè al Savena avranno ancora i cassonetti mentre chi abita in centro dovrà tenersi la spazzatura in casa per una settimana visto anche l'indifferenziata a partire dall'8 maggio verrà ritirata porta a porta solo una volta a settimana. Roba da barbari incivili Ma davvero ai nostri amministratori sembra normale imporre ai propri cittadini, che tra l'altro pagano le tasse comunali più care d'Italia, di tenersi in casa la spazzatura puzzolente per una settimana? Ma vogliono farci diventare dei trogloditi?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bologna sede del Centro Meteo Europeo: arriva la conferma ufficiale

  • Cronaca

    Antoniano, restyling per la mensa: '130 pasti per chi ha bisogno'

  • Economia

    Moda, l'ex patron La Perla lancia "Fashion Research Italy"

  • Cronaca

    Crevalcore, incendio sui binari: ripartono i treni, ritardi fino a 50 minuti

I più letti della settimana

  • Un nuovo supermercato Lidl in via di Corticella: 2 piani e 100 posti auto

  • Scossa di terremoto nella notte con epicentro nella zona di Castel del Rio

  • 'In Italia bisogna alzare la voce': show al Pronto Soccorso, 37enne in manette

  • Centro storico: seguita, rapinata e molestata, 18enne finisce al Maggiore

  • Spari a Casalecchio: tenta la fuga e investe un Carabiniere

  • Incidente a Molinella, gravissima una 25enne: paura per un bimbo

Torna su
BolognaToday è in caricamento