Decoder di seconda generazione, dobbiamo cambiare tv?: lo "sconto" e le cose da sapere

Lo switch-off avverrà gradualmente per aree geografiche

Nei prossimi mesi molte persone dovranno cambiare la propria televisione o il proprio decoder per allinearsi con il digitale terrestre di seconda generazione. L'ultima data utile per mettere in casa un apparecchio adeguato alla nuova tecnologia è l'1 luglio 2022.

Nella manovra economica è stato alzato da 100 a 151 milioni di euro il fondo per chi, tra il 2019 e il 2022, vorrà adeguarsi agli standard DVB-T2 prima dello switch off. In pratica uno 'sconto' sull'acquisto dei dispostivi in linea con la nuova tecnologia, di cui potranno godere gli anziani con più di 75 anni che sono esenti dal pagamento del canone Rai e hanno un reddito inferiore agli 8mila euro annui.

Chi dovrà comprare una nuova televisione?

Chi è già in possesso di una smart tv con questo tipo di tecnologia non avrà bisogno di aggiornamento: tutte le tv in commercio da gennaio 2017 sono già provviste di questo tipo di tecnologia, anche se all'inizio alcuni apparecchi venivano venduti abbinati ad un decoder con DVB-T2. 

Sconto

Lo switch-off, che avverrà gradualmente per aree geografiche, avrà inizio già nel gennaio dello stesso anno, con la migrazione dall'attuale DVB-T in MPEG2 allo stesso standard in MPEG4, la tecnologia già in uso per trasmettere i canali HD, che fornisce una maggiore qualità del segnale. Il bonus previsto dall'esecutivo prevede una rimodulazione degli importi destinati all'acquisto di decoder e smart Tv nel rispetto del principio di neutralità tecnologica.

Il fondo da 151 milioni servirà per aiutare le famiglie a sostenere questa spesa, anche se si prevede un picco di domande per il 2020, quando inizierà il trasloco verso la nuova tecnologia di trasmissione, con le televisioni non adeguate che resteranno al 'buio'. L’agevolazione partirà in forma di bonus switch-off, e sarà concessa per l’acquisto di un solo apparecchio televisivo, a partire dal 2019. I primi destinatari del bonus saranno sicuramente i soggetti già esonerati dal pagamento del canone Rai, ovvero gli ultra 75enni in condizioni di disagio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grosso incendio a Casalecchio, palazzo a fuoco: aria irrespirabile, residenti barricati in casa

  • Sciopero generale il 25 ottobre: a rischio bus e treni Tper

  • Bolognina, chuso forno in via Tibaldi

  • Cisterna di ossigeno in avaria, perdita di gasolio in A14: traffico bloccato e vigili del fuoco sul posto

  • Investimento mortale sulla Bologna-Verona, circolazione treni sospesa

  • Colpo in Galleria Cavour: furto da 6mila euro allo store Louis Vuitton

Torna su
BolognaToday è in caricamento