Sana al via, tra Fiori di Bach per il sesso e i 'sughi' bolognesi versione veg

Un giro al Sana, salone del bio e del naturale, che ha aperto i battenti questa mattina: il nostro territorio al centro delle scelte "green"

I "sughi" bolognesi in versione vegana, i marroni del nostro Appennino, il siero della giovinezza fatto con le ortiche del territorio emiliano-romagnolo: sono tanti gli orgogli locali che sfilano alla fiera del biologico e del naturale alla fiera di Bologna. Questa mattina infatti è stato inaugurato il Sana, con taglio del nastro del Sottosegretario alle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo Alessandra Pesce. 

Ma quali sono le novità, le tendenze, le innovazioni di un settore, quello del bio e del naturale,  che piace sempre di più e fa numeri sempre più consistenti anche nel nostro Paese? Tantissime. Si va dal food allo stile di vita, dalla cosmesi all'arredamento.

Recuperare i frutti del passato (quelli della nonna) e riscoprire le proprietà di prodotti della terra come la pera volpina, le giuggiole, la mela cotogna è uno dei punti di partenza (un'esposizione di Coldiretti per vedere cosa ci stavamo per perdere), mentre la rotta è quella del green anche per la pulizia della casa e della persona, perfettamente al passo coi tempi (visti anche i prodotti naturali le barbe). Scoperte e news di tutti i tipi anche sul fronte cosmesi naturale: sapete che cos'è la moringa oleifera? E quanto è preziosa l'ortica come alleata di bellezza? L'effetto "wow" spesso ce lo da proprio la Natura.  

Un giro fra i padiglioni, qualche curiosità: 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un lifting naturale brevettato in Romagna

E' a chilometro zero il siero naturale "Fior di Linfa" di Mary Rose, l’unico compattante che prende vita dopo intere settimane di lavorazione artigianale: 6 piante officinali, dalle elevate proprietà benefiche e dermopurificanti, vengono lavorate a lungo generando un composto sinergico ricchissimo di principi attivi naturali e fitocomplessi. "L'ortica è la componente base del nostro siero - spiega Mario Ciarpella, titolare dell'impresa familiare che ha sede nel riminese - e va lavorata necessariamente entro le 2/3 ore dal raccolto, necessitando delicatezza e tempi da rispettare con rigore, ma che fanno si' che vena mantenuta una grande promessa, quella che il naturale sa dare anche in quando si parla di bellezza". Pluritestato e frutto di brevetto, depura, tonifica, illumina e compatta la pelle in modo straordinario, raggiungendo livelli di efficacia che non si trovano in altri sieri o creme presenti sul mercato. Al SANA un trattamento viso gratuito. Padiglione 19 - stand 59

Fiori di Bach per trovare l'anima gemella e far bene al sesso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bufera social, Cremonini sulla colf: "L'ho chiamata Emilia, se pago posso cambiare il nome"

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Positivi due lavoratori di una pizzeria a Casalecchio, la scoperta dopo una rissa: tamponi a tappeto e controlli

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Focolai covid a Bologna: l'attenzione si sposta all' ex hub di via Mattei

Torna su
BolognaToday è in caricamento