“Willie lo sciamano” dal mercato della Montagnola a Palazzo D’Accursio

In corsa per le prossime amministrative anche lo "sciamano" dell'underground bolognese. Volto e corpo tatuati, piercing ovunque, una vita spesa in strada: questo personaggio sui generis spopola sul web e dai consensi riscossi "rischia" di finirci lui al ballottaggio

"Sono cresciuto in mezzo alla strada, so di cosa la gente ha bisogno. Bologna ha bisogno di me”, così si introduce in un video di presentazione su you-tube l’aspirante sindaco più sui-generis che si sia mai visto all’ombra delle Due Torri. Mezzo inglese e mezzo romagnolo lui è Willie: volto e corpo completamente ricoperti da tatuaggi e piercing, accento strano e una vita spesa in strada. L’eccentrico candidato punta a riscuotere voti dal mondo underground della città felsinea e per ora l’ha spuntata: ha raccolto le firme necessarie per avviare la sua corsa verso palazzo D’Accursio e sul web ha spopolato attraverso comizi on line, appelli video, un sito personale (williesindaco.net) e diverse pagine sui social network.

WILLIE, UN VOTO DI PROTESTA? - Sulla scia del suo motto "La politica è sacra" viaggia la campagna elettorale dello "sciamano", che ha raccolto numerosi consensi. Su Facebook, dove Willie vanta più “amici” dei suoi avversari politici, si legge: “Se fra i candidati a sindaco, l'unica "faccia pulita" fosse la tua?”. Insomma il mondo online lo ama e lo acclama; che sia per simpatia verso lo strambo personaggio o per “antipatia” nei confronti dei suoi avversari, in ogni caso il candidato più anticonformista ha già racimolato uno stuolo di proseliti. Se l’adesione alla sua fans-page fosse la stessa alle urne, si potrebbe ipotizzare che al ballottaggio per contendersi la carica di primo cittadino andrà proprio lui, l’habituè del mercato della Montagnola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

BEPPE MANIGLIA - Ma Bologna non è nuova ad accogliere nella propria scena politica candidati esuberanti e movimenti di voci "fuori dal coro". Mentre il vulcanico Willie ce l’ha fatta, rimane escluso per un soffio Beppe Maniglia, il noto musicista di strada bolognese, che da anni tenta di accaparrarsi una seduta nel Consiglio comunale della sua città. Anche per Maniglia grande simpatia tra il popolo del web, ma per lui non è bastato. L'artista di strada, come sempre, non si abbatte e sicuramente sarà già al lavoro per farsi trovare pronto alle prossime elezioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

Torna su
BolognaToday è in caricamento