Pioggia di ricorsi dalle sale slot, Bonaccini: "Non arretriamo"

Al Tar dell'Emilia-Romagna sono già stati presentati oltre 20 ricorsi da parte dei gestori delle sale da gioco, a cui si sono aggiunti altri cinque ricorsi straordinari al capo dello Stato

Il governatore Stefano Bonaccini replica ai gestori di sale slot che in questi mesi stanno depositando una pioggia di ricorsi contro il regolamento approvato proprio dalla Giunta regionale: "La Regione Emilia-Romagna non arretrerà di un millimetro".

La normativa che vieta l'attività di slot e videolottery a 500 metri da obiettivi sensibili come scuole, ospedali, centri anziani e oratori: al Tar dell'Emilia-Romagna sono già stati presentati oltre 20 ricorsi da parte dei gestori delle sale da gioco, a cui si sono aggiunti altri cinque ricorsi straordinari al capo dello Stato.

Tutte cause che chiedono l'annullamento sia del regolamento regionale sia, a cascata, di quelli comunali approvati di conseguenze. La Giunta Bonaccini ha deciso subito di rintuzzare questi ricorsi, incaricando della difesa l'avvocato Maria Rosaria Russo Valentini, del Foro di Bologna. "La Regione Emilia-Romagna non arretrera' di un millimetro- manda a dire oggi Bonaccini via social network- vogliamo contrastare il gioco d'azzardo e combattere la dipendenza da gioco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Incidente tra Bologna e Zola: scontro scooter-Suv, morto il centauro

Torna su
BolognaToday è in caricamento