Politiche per la salute: approvati consuntivi 2010, ma "Scenario futuro assai difficile"

Approvati dalla Giunta i consuntivi. Lusenti: "Buon risultato sia in termini di equilibrio economico-finanziario che di servizi erogati. Ma senza cambiamenti nelle politiche sbagliate del Governo sarà dura"

“Anche nel 2010 il Servizio sanitario regionale registra un risultato positivo sia in termini di equilibrio economico-finanziario, sia in termini di servizi erogati. E’ un risultato che dimostra un efficiente uso delle risorse e che conferma un trend in atto da anni.”
L’assessore alle politiche per la salute Carlo Lusenti ha così commentato il consuntivo 2010 della sanità emiliano-romagnola, che ha chiuso in equilibrio in tutte le Aziende sanitarie, la maggior parte delle quali hanno anche assicurato copertura di una quota parte degli ammortamenti (copertura che, fino al 2010, non costituisce obbligo rispetto alle regole vigenti a livello nazionale ai fini della verifica del rispetto dell’equilibrioeconomico-finanziario).

I consuntivi 2010 delle Aziende sanitarie, approvati ieri a Bologna con delibera dalla Giunta regionale, testimoniano dunque una situazione di equilibrio, già riscontrata anche al Tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti da parte delle Regioni, istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ai sensi dell’Intesa Stato-Regioni del 23 marzo 2005.
Anche nel 2010, in favore del Servizio sanitario, la Regione è intervenuta con risorse del proprio bilancio, per complessivi 265 milioni di euro, destinati al finanziamento di servizi sanitari previsti dal Fondo regionale per la non autosufficienza e di prestazioni aggiuntive rispetto ai Livelli Essenziali di Assistenza nazionali, comeassegni di cura per anziani e disabili, assistenza odontoiatrica a fasce di popolazione in condizioni di fragilità, vaccinazioni contro pneumococco e meningococco per i nuovi nati, certificati gratuiti di idoneità sportiva non agonistica a disabili e minori, interventi nel settore delle dipendenze, parto indolore.

Per quest’anno, secondo i dati provvisori delle verifiche trimestrali, “ipotizziamo di riuscire a mantenere un buon risultato, malgrado la diminuzione del finanziamento da Fondo sanitario”, ha detto l’assessore Lusenti.

“Ma dal   2012 - ha continuato - la situazione sarà molto più difficile. La riduzione dei finanziamenti attuata dal Governo con la manovra del 2010 e con le manovre del 2011, avrà effetti molto pesanti sul Servizio sanitario e sulla nostra possibilità di mantenere il livello dei servizi che finora abbiamo garantito. Di fronte a questo scenario – ha detto l’assessore  - noi continueremo nel confronto in tutte le sedi nazionali per difendere il Servizio sanitario, un bene pubblico irrinunciabile

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento