Caldo torrido nei nidi estivi, Pillati replica al sindacato Cobas: 'Non è vero'

L'assessore alla scuola del Comune definisce 'irricevibili e inaccettabili' le critiche mosse dai Cobas

La denuncia dei Cobas e delle dade (maestre) dei nidi di Bologna "non corrisponde al vero" e per questo è "inaccettabile. Irricevibile". Non usa mezzi termini la vicesindaco Marilena Pillati, che nella Giunta comunale ha la delega all'Istruzione, per replicare al sindacato di base che è tornato a puntare il dito contro il progetto di apertura dei nidi a luglio voluto da Palazzo D'Accursio, portando la testimonianza di alcune educatrici impegnate nelle strutture in questi giorni.

I Cobas parlando di "caldo insopportabile, ambienti non adeguati, fatica e sofferenza", di bambini costretti a giocare "nudi in giardini polverosi e bollenti, tra sterpaglie ed erba secca", oppure tenuti all'ombra nei locali dei nidi che però sono "non climatizzati" e "spogli, perché il materiale didattico è stato riposto per settembre".

Ma Pillati non ci sta. "Il quadro tratteggiato in quella lettera è irricevibile- attacca la vicesindaco, questa mattina a margine di una seduta di commissione in Comune- si descrivono i nidi di Bologna in una maniera assolutamente inaccettabile". A parte il fatto che "tutte le strutture hanno impianti di condizionamento nei dormitori- sottolinea Pillati- i nidi bolognesi non sono ciò che quella lettera descrive. L'immagine che ne esce è inaccettabile e non corrisponde al vero", censura la vicesindaco. (San/ Dire) 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

Torna su
BolognaToday è in caricamento