Asili nido estivi, il j'accuse del sindacato: 'Bimbi con 40 gradi nei locali, si soffre'

I Cobas chiedono al Comune "un'immediata convocazione" della Rsu, annunciando la decisione di far intervenire i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Nei nidi comunali di Bologna ci sono situazioni in cui si toccano i 40 gradi di temperatura. Lo affermano i delegati Cobas di Palazzo D'Accursio, con una nota in cui si parla di sarcasticamente dell'ennesimo "grande successo" del progetto di apertura dei nidi a luglio.

"Negli uffici dirigenziali con l'aria condizionata, nelle segrete stanze della politica- attaccano i Cobas- è facile prendere decisioni e siglare accordi, dimenticandosi di chi queste scelte le subisce sulla propria pelle". Ma intanto "un vero e proprio 'grido' di denuncia ci è arrivato dai nidi dove educatrici, collaboratori e bambini, invece di fare educazione, si trovano a dover 'combattere' una guerra senza senso fatta di caldo insopportabile, ambienti non adeguati, fatica, sofferenza e disillusione".

Per questo i Cobas chiedono al Comune "un'immediata convocazione" della Rsu, annunciando la decisione di far intervenire i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. Intanto, i delegati diffondono la testimonianza di una lavoratrice, che secondo i Cobas riporta una "stremata ma lucida cronaca dell'allucinante situazione" di questi giorni.

Nel testo, anonimo, i "40 gradi" si riferiscono a venerdi' scorso: "Giardini polverosi e bollenti, sterpaglie ed erba secca. Facciamo giocare i bambini con l'acqua, nudi o solo col pannolino", si legge. "Non ci sono le dade di riferimento, nessuna faccia conosciuta", continua il testo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un'educatrice è malata. Ovviamente non c'è personale supplente e non verrà sostituita", continua il testo. Viene poi spiegato che alle 11 i bimbi vanno dentro perché stiano all'ombra, ma "in locali non climatizzati" e anche "spogli, perché il materiale didattico è stato riposto per settembre, solo qualche libro ormai logoro, qualche macchinina e poco altro". (Pam/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm | Scuole, locali, palestre & co: ecco le nuove misure approvate

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • 23 ottobre, sciopero nazionale treni e bus: cosa c'è da sapere

  • Gianluca Vacchi firma una cashback card: oltre ai benefit, c'è anche un progetto benefico

  • Trasporti bus e corriere Tper: sciopero il 23 ottobre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento