Studenti tra i fumogeni calata la bandiera greca al Consolato

Manifestano contro il Ddl Aprea che vara l'autogoverno delle istituzioni scolastiche e contro i tagli all'istruzione. In segno di solidarietà, rimuovono la bandiera greca davanti al Consolato di via Indipendenza

Un corteo impegnato, ma pacifico ha sfilato da Piazza XX settembre per tutto il centro storico stamattina (VIDEO). Gli studenti medi (circa 1.500) hanno manifestato contro il Ddl Aprea, che prevede lo “Statuto autonomo”, per la gestione di delle scuole, i tagli all’istruzione per la scuola pubblica e il lavoro. “Siamo un corteo solidale e pieno di impegno politico” - spiegano a Bologna Today i giovani manifestanti -  “difendiamo l’istruzione pubblica e di qualità. Il Ddl Aprea rompe l’unità del sistema scolastico italiano, riprendendo la scandalosa riforma Gelimini”.  Malcontento popolare cavalcato dalle destre europee, scuola pubblica, antirazzismo e debito pubblico alla base delle lotte di Resistenze Internazionali, la rete di giovani che ha supportato la manifestazione.

Solidarietà ai popoli in crisi e alla Grecia: presso il Consolato in via Indipendenza, uno studente è salito su una scala e tra i fumogeni ha rimosso la bandiera ellenica bianco-blu scrivendo con lo spray “Grecia Antifa
Il megafono del corteo ha dato voce anche ai Comitati per l’acqua pubblica, che a loro volta saranno in presidio l’8 ottobre, e ai NoTav incassando la solidarietà degli studenti universitari in via Zamboni.
La sfilata è gioiosa ed entusiasta, anche se non sono mancati i problemi al traffico; numerose le deviazioni e ingorgo soprattutto in via Irnerio, affollata anche per la Piazzola.

NESSUN INCIDENTE, CONCLUSIONE IN PIAZZA SAN FRANCESCO. Non sono stati segnalati incidenti, ma durante la protesta ci sono stati blocchi del traffico e blitz contro alcune banche e al Consolato della Grecia. La manifestazione, annunciata in rete da alcuni collettivi studenteschi, è partita da Piazza XX settembre per concludersi in Piazza San Francesco. Gli studenti hanno bloccato il traffico all'incrocio tra via Irnerio e via Indipendenza, dove è stata presa di mira anche la sede del Consolato della Grecia, cui è stata staccata la bandiera in solidarietà con la lotta del popolo ellenico. Lungo il tragitto, sono state lanciate uova di vernice e petardi contro alcune agenzie Unicredit, poi è stata staccata una bandiera della Bnl appesa fuori dalla filiale di via Rizzoli, bandiera che al termine del corteo è stata data alle fiamme.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

Torna su
BolognaToday è in caricamento