Riuti, 'effetto discarica' raccolta porta a porta: il Comune tratta con Hera

Sacchi variopinti, abbandono di rifiuti ingombranti: 'L'idea sarebbe comunque quella di una modifica radicale'

Si tratta sulla raccolta dei rifiuti, a partire dal porta a porta nel centro storico. Il Comune sta trattando con Hera per evitare l'effetto "discarica" davanti ai portoni e sotto ai portici.

Una delle novità in arrivo nei prossimi mesi potrebbe essere l'invio dei sacchetti direttamente a casa ai cittadini: "Ritengo che tanti sacchi di colore diverso contribuiscano a dare una immagine di degrado", dice l'assessore Alberto Aitini. "Distribuire i sacchetti a casa sarebbe utile per incentivare i cittadini e avere sacchetti dello stesso tipo. Ma è una valutazione che stiamo facendo". La misura potrebbe costare un milione di euro l'anno, ma l'idea sarebbe comunque quella di una "modifica radicale" della raccolta effettuata da Hera, orari del porta a porta compresi.

"In centro storico per quattro giorni alla settimana abbiamo rifiuti fuori dalle porte in qualche zona - constata l'assessore - il porta a porta ha limiti oggettivi anche per gli orari, quello delle 20 alle 22 va incontro alle esigenze dei cittadini ma così si lascia fuori chi chiude la propria attività alle 19. Inoltre l'indifferenziato raccolto in questo modo è molto critico, tenersi in casa questi rifiuti per una settimana è assolutamente complicato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le guardie ecologiche volontarie fanno un migliaio di multe l'anno per contrastare l'abbandono dei rifiuti, verrà ripreso il progetto eco-vicini, cittadini incaricati di informare e soprattutto fare segnalazioni a Hera. Attraverso l'Università inoltre verranno sensibilizzati gli studenti, informandoli all'atto dell'immatricolazione sulle regole a cui attenersi per quanto riguarda il 'rusco'.

L'arogmento è stato oggetto stamane di una udienza in commissione a Palazzo D'Accursio. Intanto prosegue la sostituzione dei cassonetti, che fuori del centro resteranno. Nelle prossime settimane verranno cambiate tutte le campane del vetro con bidoni in grado di trattenere i residui di liquido. (dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Prezzi case a Bologna: la mappa zona per zona

Torna su
BolognaToday è in caricamento