Efficienza energetica, Hera premiata per la sua "politica proattiva"

Il Centro Studi sull’Economia e il Management dell’Efficienza Energetica ha premiato la multiutility per aver elaborato e attuato negli anni una esplicita e proattiva politica nell’efficienza energetica, conseguendo risultati significativi. Oltre 100 i progetti di efficienza energetica presentati da Hera nel periodo 2004-2015

Il CESEF, Centro Studi sull’Economia e il Management dell’Efficienza Energetica, ha assegnato per il primo anno gli Energy Efficiency Awards a tre interventi di efficienza energetica di particolare importanza nel panorama nazionale. I riconoscimenti, consegnati oggi a Milano (Fondazione Cariplo) dall’Amministratore Delegato del GSE Francesco Sperandini e dal Commissario dell’Enea Federico Testa, in occasione del Workshop CESEF 2015, hanno lo scopo di valorizzare al meglio le best practice nazionali del settore e aiutare lo sviluppo del mercato dell’efficienza energetica.

Il Gruppo Hera, in particolare, è stato premiato con lo Strategic Energy Efficiency Award “per aver elaborato e attuato negli anni una esplicita e proattiva politica nell’efficienza energetica, conseguendo risultati significativi”.

Oltre 100 progetti di efficienza energetica nel periodo 2004-2015. Il Gruppo Hera ha adottato per la promozione dell’efficienza energetica due strategie differenti in relazione agli ambiti e agli obiettivi. La prima orientata a proporre servizi tradizionali forniti da società controllate, come l’illuminazione pubblica o la gestione calore prevalentemente per la PA.

La seconda legata all’obbligo di raggiungere determinati obiettivi di efficienza energetica attraverso il meccanismo dei certificati bianchi. In questo secondo percorso Hera ha adottato una strategia che - spiega la multiutility - "ancora oggi mantiene una sua originalità, cioè l’approccio diretto alle imprese industriali attraverso lo strumento della diagnosi energetica, con l’obiettivo di stimolare la realizzazione degli interventi e la conseguente generazione di certificati bianchi necessari al proprio obiettivo". Questo approccio ha permesso a Hera di diventare la prima utility italiana per numero di progetti di efficienza energetica a consuntivo approvati e ammessi al sistema incentivante dei certificati bianchi. 
Nel periodo 2004-2015 Hera ha presentato 103 progetti che hanno generato un numero di TEE complessivo pari a 418.000 tep (tonnellate equivalenti di petrolio). Oltre 900.000 invece sono stati i TEE complessivi prodotti da Hera, nello stesso periodo, comprendendo anche l’attività di trading. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Incidente tra Bologna e Zola: scontro scooter-Suv, morto il centauro

Torna su
BolognaToday è in caricamento