Epilessia, disabilità e neuro-disturbi: i 5 progetti della Asl Bologna

Poco meno di due milioni di euro per trovare soluzioni innovative per chi soffre di epilessia, disturbi della personalità e pazienti paraplegici

Poco meno di due milioni di euro per trovare soluzioni innovative per chi soffre di epilessia, disturbi della personalità e pazienti paraplegici. Sono cinque i progetti presentati da Asl di Bologna e Istituto delle scienze neurologiche (Isnb), tra i vincitori del bando in ricerca finalizzata promosso dal ministero della Salute.

In particolare, 1 milione e 350.000 euro sono destinati all'Isnb, arrivato primo in Emilia-Romagna tra gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) con 3 progetti sui 9 premiati in Regione. I coordinatori dei progetti sono tutti neurologi della clinica neurologica dell'Isnb. Valerio Carelli seguira' "Reorion", progetto che si concentra su due delle principali neuropatie ottiche ereditarie. I ricercatori svilupperanno in laboratorio miniorgani del tessuto ammalato (retina e nervo ottico) e su questi sperimenteranno nuove terapie.

Il secondo progetto invece, pensato da Elena Antelmi, valutera' i benefici che l'uso di un esoscheletro robotico puo' avere sui pazienti paraplegici che hanno perso l'uso delle gambe. Laura Licchetta invece con "Tele-epic" coinvolge 600 pazienti (la metà bambini) e userà la telemedicina come metodo innovativo per assistere anche a distanza chi soffre di epilessia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Azienda sanitaria bolognese invece, riceve 260.000 euro, per due progetti 'starting grant', la categoria riservata a ricercatori con meno di 33 anni, alla loro prima esperienza. Con 130.000 euro a testa, Anna Sasdelli e Francesco Di Gregorio, ricercatori rispettivamente in psicologia e psichiatra, coordineranno i due progetti. Sasdelli cercherà nuove strategie diagnostiche relative al disturbo bipolare e al disturbo borderline della personalità, mentre Di Gregorio approfondirà nuove strategie riabilitative rivolte a pazienti con traumi cranici tali da inibire la percezione della porzione sinistra dello spazio. (dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Coronavirus, bollettino Emilia Romagna: +24 casi e ancora 8 decessi

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento