domenica, 21 settembre 17℃

Affitti in nero, lotta ai 'furbetti': prezzi stracciati per chi denuncia

La 'neo' legge sulla cedolare secca tutela gli inquilini; sconti eclatanti sui canoni d'affitto: c'è chi è passsto da 800 ad 80 euro al mese. Unione inquilini: 'Imu però sarà nuovo sprone al nero'

Redazione 21 gennaio 2012

Al centro negli ultimi giorni il bilancio dove l’Imu, che peserà come un macigno sui portafogli dei bolognesi, sposta l’attenzione sulla casa. E il relativo tema degli affitti in nero, frequente a Bologna, dove trova ‘terreno fertile’ soprattutto in ambiente universitario. Tanti infatti i proprietari di immobili sotto le Due Torri che preferiscono dare in locazione stabili agli universitari: è vantaggioso perché in un appartamento (spesso tenuto in condizioni precarie ‘tanto gli studenti sono meno pretenziosi delle famiglie’) si possono stipare il maggior numero di persone (che condividono in 2 , anche 3, la stessa camera)  ricavandone un lauto introito. Il tutto, spesso, in situazioni dove i contratti sono inesistenti. Come appunto raccontano tanti studenti incrociati su via Zamboni.

TUTELA AFFITTUARI. Per arginare il fenomeno il Comune di Bologna è sceso in campo invitando i cittadini a denunciare gli affitti in nero. "Denunciate, denunciate, denunciate", è stato l'invito della vicesindaco Silvia Giannini, che ha voluto così anche rispondere ai timori dei sindacati, preoccupati per il possibile boom di contratti illegali dopo la stangata in arrivo con l'Imu sulle seconde case.
A venire incontro agli inquilini in nero, ha spiegato l'assessore alla casa Riccardo Malagoli, è in particolare una norma contenuta nella legge sulla cedolare secca: "Chi denuncia ha diritto a un contratto di 4+4 anni con un affitto del 10% rispetto al prezzo di mercato basato sulle rendite catastali".
C'é un caso nella Capitale, infatti, portato alla luce dalla nostra redazione romana, di una persona che pagava 800 euro e ora ne versa solo 80 al mese. Per questo, a breve, il Comune ha intenzione di lanciare una campagna di comunicazione.

Annuncio promozionale

UNIONE INQUILINI. Bologna Today per approfondire l’argomento ha incontrato Massimiliano Pispico, Segretario dell’Unione Inquilini di Bologna: “L’Unione Inquilini – ha spiegato Pispico  - condivide l’iniziativa di informazione e sensibilizzazione sui rapporti di locazione irregolari. Lunedì ci incontreremo con l’assessore alla casa Riccardo Malagoli per discuterne anche alla luce del Decreto Legislativo sulla Cedolare Secca che prevede procedure più dure nei confronti di chi affitta in nero.  L’Unione Inquilini è sempre stata in prima linea per favorirne l’emersione.
Alla domanda se è reale la preoccupazione che l’introduzione dell’Imu possa far salire le locazioni in nero, il segretario ha confermato: “Inevitabilmente, il proprietario che si trova a dover pagare una tassa su un appartamento potrebbe essere tentato di applicare un simile rapporto di locazione.”
 

Massimiliano Pispico
affitti
affitti nero
casa

Commenti