Energie rinnovabili: Pdl abbandona l’aula e blocca il voto sul fotovoltaico

"Il centrodestra ai problemi di imprenditori e lavoratori evidentemente ha preferito una gita al bar": così il capogruppo del Pd in Regione, Marco Monari, commenta l'esodo di massa dei consiglieri in assemblea

Ieri radunati in Assemblea i consiglieri per votare il provvedimento sul fotovoltaico. Al momento di esprimere le loro preferenze sulla questione delle rinnovabili, gli esponenti del centrodestra si sono alzati e in massa hanno abbandonato l’aula, facendo così mancare il numero legale per la votazione. A commentare l'episiodio interviene con una nota il capogruppo del Pd in Regione, Marco Monari.
ATTACCHI DI MONARI - "Evidentemente il PDL ai problemi di imprenditori e lavoratori ha preferito una gita al bar". Monari incalza "Tutti via i consiglieri del centrodestra quando si è trattato di votare il provvedimento sul fotovoltaico, facendo mancare il numero legale. Forse non si sono resi conto di quanto sia grave la situazione del comparto sul nostro territorio, dopo il decreto Romani." Il capogruppo del Pd in Regione evidenzia le problematiche e le gravi difficoltà in cui le "scelte miopi" del Governo potrebbero gettare il settore del fotovoltaico. “Se avessero voluto farsene un'idea avrebbero potuto parlare con i migliaia fra imprenditori e lavoratori del settore che in queste ore sono preoccupatissimi. O forse no - conclude Monari - pensano di poterli rappresentare ugualmente e meglio con una gita al bar, sottovalutando quali gravi conseguenze corra uno dei pochi comparti industriali non ancora travolti dalla crisi economica".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento