energia

Ambiente, accordo Hera-Camst: i rifiuti diventano carburante

I punti di ristorazione coinvolti nella fase iniziale sono situati in provincia di Bologna, poi il raggio d’azione sarà ampliato anche su altri territori

Camst e il Gruppo Hera hanno firmato ieri, 14 settmebre, un protocollo d’intesa per collaborare sulla qualità della raccolta differenziata, riducendo la quantità di rifiuti prodotti.

I punti di ristorazione coinvolti nella fase iniziale sono situati prevalentemente in provincia di Bologna, poi gradualmente il raggio d’azione sarà ampliato anche su altri territori. L’accordo avrà una durata di due anni.

Sono 130 milioni i pasti preparati ogni anno da Camst, mentre 15 mila sono le persone che vi lavorano.

“La transizione verso un’economia circolare è una sfida prima di tutto culturale, fatta di tante azioni messe in campo con continuità. Questa intesa con Camst ne è un esempio virtuoso. Due grandi realtà che collaborano per portare avanti il cambiamento – commenta Stefano Venier, Amministratore Delegato del Gruppo Hera -. La nostra economia è ancora troppo lineare, basti pensare che, a livello mondiale, su tutto il materiale classificato come rifiuto, solo l’8,6% viene riutilizzato. Il percorso è senza dubbio complesso e le aziende come Hera e come Camst hanno l’obbligo di dare l’esempio per tutelare l’ambiente e le generazioni future”.

“Le partnership tra imprese, costruite su principi, valori e obiettivi condivisi che mettono al centro le persone e il pianeta, sono fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda Onu 2030 – ha commentato Francesco Malaguti, Presidente di Camst – “Ogni giorno centinaia di migliaia di persone usufruiscono dei nostri servizi di ristorazione e facility. Il nostro impegno è rivolto a far sì che le nostre attività abbiano un impatto positivo sull’ambiente e generino valore per la collettività. Questo accordo rappresenta un passo importante in questo percorso”.

Progetti di mobilità sostenibile

Il rifiuto organico prodotto nei punti di ristorazione potrà essere utilizzato per la produzione di biometano e compost nell’impianto del Gruppo Hera a S. Agata Bolognese, mentre gli oli vegetali esausti (quelli che rimangono al termine delle preparazioni alimentari ad esempio gli oli di frittura o utilizzati per conservare gli alimenti) raccolti in modo differenziato potranno essere destinati alla produzione di biodiesel, grazie alla partnership siglata dalla multiutility con Eni. Inoltre, saranno realizzati punti per la ricarica elettrica dei veicoli.

"Le due realtà collaboreranno per lo studio dei migliori materiali da utilizzare in alternativa alla plastica monouso, coniugando la sicurezza alimentare con il minor impatto ambientale possibile, e su progetti di riciclo della plastica utilizzata nei punti di ristorazione. Previste anche azioni volte a ridurre lo spreco e il riutilizzo dei pasti non consumati. Hera potrà, inoltre, fornire supporto sulle modalità di raccolta differenziata e il trattamento dei rifiuti prodotti", si legge nella nota. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambiente, accordo Hera-Camst: i rifiuti diventano carburante

BolognaToday è in caricamento