Dopo la candidatura di Bignami Fratelli d'Italia chiede le primarie: 'Passiamo dal consenso popolare"

E'portavoce Provinciale Fratelli d'Italia a chiedere di dare la parola agli elettori: "Oggi abbiamo una grossa occasione che non possiamo lasciarci sfuggire"

A meno di un anno dalle prossime elezioni amministrative e a seguito della candidatura del forzista Galeazzo Bignami, si accende qualche polemica. Ed è il responsabile provinciale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale Bologna Fabrizio Nofori a chiedere che siano gli elettori a scegliere il proprio candidato di centrodestra: "In merito alla candidatura di queste ore ufficializzata da parte di Galeazzo Bignami esponente di Forza Italia, che si aggiunge alla candidatura di Lucia Borgonzoni della Lega Nord arrivata durante l'Estate, Fratelli d'Italia chiede che al più presto venga organizzato un incontro tra i partiti di centrodestra e movimenti civici".

Continua Nofori: "Non possiamo perdere altro tempo, oggi abbiamo una grossa occasione che non possiamo lasciarci sfuggire.  Siamo ancora una volta,  sempre più convinti che il  modo per individuare il miglior candidato sia quello delle Primarie, abbiamo tutto il tempo per confrontarci per trovare un programma condiviso con il quale  presentarsi  alla prossima tornata elettorale.  Riteniamo che Bologna meriti una scelta che passi attraverso il consenso popolare  e non con una candidatura calata dall'alto". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

  • Incidente, scontro frontale a Castel Guelfo: 24enne grave al Maggiore

  • Lunga giornata di voto in Regione. Boom alle urne, oltre il 70% a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento