C+C=Maxigross: il collettivo multiforme in concerto

Sabato 13 gennaio C+C=Maxigross (Ita– folk psichedelico) al Covo Club. 

I C+C=Maxigross sono un collettivo multiforme attivo dal 2011 con base a Verona. E non sono un “gruppo normale”...
In costante evoluzione e cambiamento hanno pubblicato fino ad oggi svariati album ed ep suonando in lungo e in largo per l’Italia, l’Europa e gli Stati Uniti. La formazione del collettivo cambia in base al tour e al progetto coinvolgendo artisti da tutto il mondo, così da poter generare ogni volta una nuova opportunità di scambio umano e musicale.
Attivisti culturali nella zona di Verona, hanno sviluppato per otto anni un progetto discografico con il proprio studio di registrazione chiamato Vaggimal Records (dal nome del paesino di montagna dove risiedevano) e sono impegnati nell’organizzazione di svariate occasioni d’incontro come il raduno extrasensoriale sui monti Lessini chiamato Lessinia Psych Fest e la festa popolare Balera Veronetta nel quartiere multiculturale veronese Veronetta.  Hanno collaborato con Miles Cooper Seaton (Akron/Family), il cantastorie senegalese Alioune Slysajah, Marco Fasolo (Jennifer Gentle), Håkon Gebhardt (Motorpsycho), il progetto Stregoni, e molti altri suonando sia in festival internazionalmente riconosciuti come il Primavera Sound di Barcellona, sia in contesti unici come rifugi a oltre 2000 m s.l.m e sagre sperdute tra le valli dolomitiche.
La loro musica è spesso definita folk psichedelico, termine che si confà maggiormente agli esordi della band, quando il suono era prevalentemente acustico, basato su cosmiche armonie vocali e arrangiamenti semplici e naif, proprio come erano nate le prime canzoni in montagna. Ora che i C+C=Maxigross sono diventati una inarrestabile live band con alle spalle più di 200 concerti la dimensione elettrica è diventata una parte fondamentale anche nella composizione, e i nuovi brani tendono inevitabilmente verso atmosfere dilatate, figlie delle lunghe code di Grateful Dead, Crazy Horse senza dimenticare la pazzia tropicalista degli Os Mutantes.
 
I C+C=Maxigross hanno da poco pubblicato l’ep "Nuova speranza", e per la prima volta abbandonano l’inglese a favore dell’italiano: "Con l’inglese ci sentivamo più internazionali, più vicini al mondo. In realtà facevamo solo riferimento ad un certo tipo di cultura anglo-americana che ci aveva influenzato. In questo disco siamo meno derivativi e più autentici." hanno raccontato durante un’intervista. Anche la formazione con cui si presentano in questo tour è un ritorno alle origini: due chitarre, basso e batteria che condividono equamente le parti vocali e sono
Tobia Poltronieri: chitarra,voce
Niccolò Cruciani: chitarra, sampler, voce
Filippo Brugnoli: basso, voce
Giulio Deboni: batteria, sampler, voce
 
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • CONCERTI SOSPESI FINO AL 24/11 Musica fuori porta, torna "Ferrara In Jazz": musica da ottobre a maggio

    • dal 3 ottobre 2020 al 31 maggio 2021
    • Ferrara
  • Marracash all’Unipol Arena NUOVA DATA 2021

    • 22 aprile 2021
    • Unipol Arena
  • Marco Masini, rinviato il live: data definitiva è il 19 aprile 2021

    • 19 aprile 2021
    • Teatro EuropAuditorium

I più visti

  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”: la mostra riapre a febbraio 2021

    • dal 1 febbraio al 27 giugno 2021
    • Santa Maria della Vita
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Vittorio Corcos, "Ritratti e Sogni": la mostra a Palazzo Pallavicini

    • dal 2 febbraio al 27 giugno 2021
    • Palazzo Pallavicini
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BolognaToday è in caricamento