rotate-mobile
Cronaca

Indennità covid da 600 euro a parlamentari, Bonaccini; "Si scusino e si dimettano"

Così il governatore sul caso della indennità destinata alle partita Iva e cococo, emerso sulla stampa

"Trovo indegno il comportamento di quei cinque deputati della Repubblica italiana che hanno fatto richiesta all’Inps per ottenere i 600 euro che il governo introdusse per aiutare le partite iva in difficolta?, causa lockdown. Li restituiscano, si scusino, si dimettano".

Così il governatore dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini sul caso, sollevato oggi da Repubblica e rilanciato dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio, di 5 politici eletti nel parlamento nazionale che avrebbero richiesto e ottenuto gli assegni destinati per l'emergenza Covid a partite Iva, co.co.co. e liberi professionisti. Del caso sarebbe anche stato avvisato l'ufficio antifrode dell'Inps.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indennità covid da 600 euro a parlamentari, Bonaccini; "Si scusino e si dimettano"

BolognaToday è in caricamento