Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Imola

Operazione 'Fast money'. Rapine armate, colpi a raffica in A14 e A13: arresti a Imola | FOTO

Numerosi i colpi messi a segno dalla banda, dall'Emilia Romagna al Veneto, arrivando fino alle Marche. Le indagini hanno condotto all'imolese

Rapine a raffica, anche con pistola, messe segno nelle aree di servizio autostradali dell’Emilia-Romagna, Marche e Veneto ai danni dei benzinai. In totale sono sei le persone indagate nell’indagine, che è coordinata dal Pubblico Ministero Dr. Stefano Stargiotti della Procura della Repubblica di Ravenna. Altrettanti sono gli episodi di rapina contestate ai soggetti che sono stati individuati dalla Polstrada dell’Emilia-Romagna, in stretta collaborazione con i colleghi di Ancona e del Commissariato di P.S. di Imola.

Le indagini arrivano a Imola, scattano arresti

Le indagini hanno condotto a Imola, dove oggi sono state eseguite le ordinanze di custodia cautelare per un 31enne e della  compagna di anni 29 per la quale sono scattati gli arresti domiciliari. Il ruolo della donna sarebbe stato quello di accompagnare, anche con la propria auto, il  compagno e gli altri correi nei pressi dell’area di servizio da rapinare. 

Gli investigatori sono arrivati anche in Romagna: infatti a un terzo soggetto, 26 anni, gli è stata notificato il provvedimento presso il carcere di Forlì, poiché ristretto per altra causa.

Rapine armate in autostrada, almeno sei i colpi a segno 

Da quanto si apprende al centro dell'operazione 'fast money'  una banda di soggetti gravitanti nell’Imolese, che durante l’estate 2020 - tra il 13.7.2020 e il 12.8.2020 - si era dedicata a rapine ai danni distributori di benzina delle aree di servizio autostradali dell’Emilia-Romagna, Marche e Veneto. Almeno 6 le rapine a loro attribuite dagli investigatori, che riferiscono i bersagli preferiti del gruppetto fossero gli addetti all’erogazione di carburante, che durante il periodo estivo di maggior traffico erano in possesso di ingenti quantità di denaro contante.

Il modus operandi dei colpi era similare. Agivano armati di pistola, una Bruni 8 mm , irrompeva nell’area di servizio durante le ore notturne, asportando l’incasso del turno. Mediamente venivano rapinati 2.000€ a colpo. il gruppo operativo sarebbe stato composto da almeno tre persone secondo gli investigatori. 

Le aree di servizio colpite sono la Santerno Ovest sita sulla A/14 (RA), la Metauro Est sita sulla A/14 (PS), la San Pelagio Ovest sita sulla A/13 (PD), la Foglia Ovest sita sulla A/14 (PS), Metauro Est sita sulla A/14 (PS).     

L’ultima rapina del 12.8.2020, venne fatta in danno di un albergatore, un B&B situato nei pressi del casello autostradale di Faenza (RA).

"Grazie al meticoloso lavoro di riscontro effettuato dagli investigatori, coadiuvati anche dai risultati forniti dalla Polizia Scientifica sui reperti biologici sequestrati nel corso delle indagini, hanno permesso alla Procura ravennate di ottenere dal GIP di quel Tribunale tre misure cautelari disposte a carico dei maggior indiziati nei fatti in argomento." Così riporta la Polstrada. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione 'Fast money'. Rapine armate, colpi a raffica in A14 e A13: arresti a Imola | FOTO

BolognaToday è in caricamento