rotate-mobile
Cronaca

Figli, permessi anche al genitore non biologico: svolta della cooperativa

"In linea con la sensibilità da sempre dimostrata per le pari opportunità e per le famiglie"

La Cooperativa bolognese Cadiai, la ONLUS, che realizza servizi di tipo socio-sanitario ed educativo, d'ora in avanti riconoscerà il permesso retribuito per la nascita di figli di famiglie omogenitoriali anche al genitore non biologico. Nei giorni scorsi, il neo eletto CdA ha deliberato, anticipando di fatto la normativa vigente che ad oggi non prevede tale possibilità.

I tre giorni di congedo saranno a carico della Cooperativa: “La decisione assunta dal Consiglio di Amministrazione su richiesta di una socia della Cooperativa è in linea con la sensibilità da sempre dimostrata da Cadiai per le pari opportunità e per le famiglie – sottolinea Franca Guglielmetti, Presidente della Cooperativa –. Nel 2015, ad esempio, siamo stati tra le prime realtà a riconoscere il congedo matrimoniale ai soci e ai dipendenti omosessuali. La nostra è una politica che vede nell’eguaglianza e nella tutela dei diritti i principi fondamentali. Non solo, l’aver accolto la richiesta di una nostra socia mostra come per Cadiai il rapporto diretto e l’ascolto delle esigenze e proposte dei soci siano elementi essenziali per le scelte e le decisioni che determinano la vita della Cooperativa. Speriamo, quindi,
che presto anche la legislazione italiana possa riconoscere pari diritti a tutti i genitori”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Figli, permessi anche al genitore non biologico: svolta della cooperativa

BolognaToday è in caricamento