Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dentro Camilla, il primo supermercato autogestito d'Italia | VIDEO

Fino al 22 dicembre la settimana di prova; poi a inizio 2019 l'apertura ufficiale dell'emporio di via Casciarolo

 

Un’economia alternativa a quella della grande distribuzione, dove i clienti del supermercato sono i proprietari e i gestori. E scelgono quali prodotti acquistare. È Camilla, il primo emporio italiano autogestito che, a oggi, conta già 400 soci.

Tutti i prodotti di Camilla arrivano da fornitori selezionati in base alla sostenibilità delle produzioni: etica e rispetto del lavoro, qualità e costi contenuti in base alla giusta renumerazione di chi lavora.

In sintesi, come scrivono i fondatori, Camilla sostiene l’agricoltura contadina come alternativa a quella industriale perché rispetta gli equilibri naturali. 

La cooperativa, nata dalle esperienze di Campi Aperti e Alchemilla, dalle quali prende il nome, è autogestita. Tradotto significa che tutti i soci, a turno, dedicano una quota del loro tempo alla gestione dell’emporio di comunità.

"Per essere cliente devi essere socio - ci spiega Roberto- altrimenti diventeremmo anche noi un supermercato come tutti gli altri. Al di là dei prodotti, quello che fa di Camilla un posto speciale è il fatto di essere una comunità". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento