Interrotto mentre urina contro il muro di una casa, s’infuria ed estrae la pistola

E' successo a Castello d'Argile, ne guai un 61enne, arrestato dai Carabinieri

le armi sequestrate

I Carabinieri della Stazione di Castello d’Argile hanno arrestato un 61enne italiano, incensurato, per minacce gravi e porto abusivo di arma illegalmente detenuta. 

E’ accaduto ieri sera, quando un residente che si trovava in casa con la moglie e il figlioletto, intento a cenare, e ha sentito dei rumori sospetti. Uscito a controllare, il malcapitato ha trovato il 61enne che stava urinando contro il muro della propria abitazione. Dopo avergli chiesto spiegazioni per quello che stava facendo, il soggetto si sarebbe infuriato, urlando dapprima, poi dirigendosi verso un'auto parcheggiata lungo la strada, dalla quale ha estratto una pistola.

La vittima si è spaventata ed è rientrata velocemente in casa per mettersi al riparo e chiamare il 112. A quel punto, il soggetto armato è salito a bordo della vettura ed è partito velocemente. Diverse pattuglie dell’Arma si sono messe alla ricerca dell’uomo, trovandolo poco dopo in casa sua, in stato confusionale a seguito di un abuso di bevande alcoliche, come rilevano i militari.
All’interno dell'auto, parcheggiata nelle vicinanze, i Carabinieri hanno trovato una pistola revolver cromata di grosso calibro, senza matricola e con 5 proiettili inesplosi all’interno del tamburo.

A seguito dei fatti, gli inquirenti hanno proceduto al sequestro, per motivi cautelari, di altre armi regolarmente detenute dall’uomo, che su disposizione della Procura è stato tradotto in carcere.
Sono tuttora in corso accurate indagini da parte degli inquirenti per cercare di scoprire la provenienza dell’arma e se sia stata implicata in altre situazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento