Cronaca

Minori sequestrano educatore, lo legano e poi fuggono dalla struttura di accoglienza

E' accaduto all'interno di una struttura di accoglienza e i due giovanissimi responsabili sono stati individuati grazie alle indagini della Polizia

Arrestati perchè hanno legato mani e piedi con una corda il loro educatore, minacciandolo e colpendolo per circa un'ora, chiuso in una stanza: i responsabili di quest'azione violenta e giustificata solo da futili motivi è costata le manette a due ragazzi ancora minorenni, ospiti di una comunità di Bologna senza particolari limitazioni.

LO INSEGUONO, LO IMMOBILIZZANO E LO MINACCIANO. I due si erano allontanati venerdì scorso per trascorrere la serata fuori dalla struttura di accoglienza e quando hanno chiamato l'educatore per farsi andare a prendere in auto e questi ha rifiutato loro il passaggio suggerendo di prendere un mezzo pubblico, i due si sono molto irritati. Al loro ritorno lo hanno colpito, minacciato, seguito nel tentativo di fuga e legato mani e piedi con una corda, cingendolo anche attorno al collo.

SALVATO DALL'INTERVENTO DEL COLLEGA. Durante quell'interminabile ora di prigionia squilla il telefono dell'educatore: dall'altro capo il collega del turno successivo che dalla voce dell'amico capisce che c'è qualcosa che non va e si precipita al centro per controllare. E in effetti si ritrova nella pericolosa situazione descritta. I due ragazzi fuggono, ma prima minacciano anche il secondo educatore intimandolo di non denunciarli. Scatta la chiamata alla Polizia e gli agenti vanno sul posto.

FERMATI QUANDO TORNANO "SUL LUOGO DEL REATO". Le indagini sono state immediate (durate tutta la notte) e hanno consentito di individuare gli autori del reato già nella tarda mattinata del sabato, quando i due minorenni erano tornati nella struttura per recuperare le loro cose e poi fuggire nuovamente. "La Polizia ha scelto di arrestare i due minorenni perchè non c'era alternativa - ha spiegato Stanislao Caruso durante la conferenza stampa in Questura -  il gioco poteva diventare molto pericoloso, ci poteva scappare il morto ed è stato un gesto davvero molto grave". E infatti i due minori non si erano limitati a legare con una corda mani e piedi all'educatore, ma lo tenevano stretto anche attorno al collo. Gli arrestati, sebbene così giovani, avevano già dei precedenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minori sequestrano educatore, lo legano e poi fuggono dalla struttura di accoglienza

BolognaToday è in caricamento