Tamponi, Federconsumatori: "Costo non superi 60 euro"

L'associazione scrive una lettera al presidente Bonaccini e all'assessore Donini per chiedere un costo massimo nelle strutture private

Tamponi non più costosi di 60 euro. È la richiesta di Federconsumatori Emilia Romagna, che ha scritto al presidente della Regione Stefano Bonaccini e all'assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini per chiedere la definizione di costo massimo applicabile presso le strutture private.

L'associazione dei consumatori reclama infatti in una nota il costo eccessivo dei tamponi naso-faringei: "Sono molte migliaia i cittadini e le cittadine della nostra Regione che in queste settimane si sono rivolti a strutture sanitarie private per effettuare un tampone, al fine di verificare una possibile infezione da coronavirus. Da subito – si legge – è stato segnalato l'eccessivo costo richiesto da cliniche di ogni tipo, per un esame il cui costo non dovrebbe superare i 50/60 euro. Infatti nella maggior parte di queste realtà si chiedono tra 90 e 120 euro, con una maggior concentrazione attorno ai 110 euro".

"In un'occasione, nella provincia di Modena, Federconsumatori ha segnalato un soggetto privato che, con giustificazioni risibili, aveva fatto pagare ad un ragazzo 220 euro per un tampone. Cosa sta succedendo? Nei fatti sembra di assistere ad una sorta di cartello per mantenere elevato il costo di questa prestazione – prosegue la nota –con gli importi richiesti che non solo non si abbassano nel tempo (come qualcuno aveva previsto) ma si innalzano e si uniformano verso l'alto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I tamponi eseguiti in Emilia Romagna – continua – sono ormai un milione, la gran parte dei quali in strutture pubbliche, che devono restare il principale riferimento di cittadine e cittadini. Ma è necessario fornire maggiori tutele a chi decide di rivolgersi a strutture sanitarie private, a partire dai costi che è chiamato a sostenere. I cittadini della nostra Regione hanno già dato a sufficienza nei mesi del lockdown, quando il prezzo di una mascherina da pochi centesimi era schizzato a 10 euro, così come si erano decuplicati i prezzi dei disinfettanti e di altri articoli sanitari. Nei giorni scorsi in Campania la Regione ha definito un costo massimo di 62 euro – concludono – confidiamo che lo facciano anche altre Regioni, a partire dalla nostra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Liceo Galvani, lutto al rientro a scuola: è morto il prof Stefano Tampellini

  • Soccorsi all'alba in via Emilia Levante: nulla da fare per un ragazzo di 20 anni

  • Lo storico bassista di Vasco Rossi, Claudio Golinelli detto "il Gallo" ha subito un trapianto al fegato

  • Coronavirus nel bolognese, un caso a Longara di Calderara di Reno: "34 ragazzi in isolamento"

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento