rotate-mobile

"Stage di ballo", ma in realtà è festa abusiva: chiuso noto locale, clienti multati

Blitz della polizia amministrativa insieme a commmissariato e poliza locale. Un centinaio di persone trovate all'interno, scatta il fuggi fuggi generale

L'età media era relativamente alta, ma quando si è capito che era entrata la polizia per un controllo il comportamento è stato il classico: la fuga. Chiusura per un noto locale della periferia nord est di Bologna, dove in via Mattei le forze dell'ordine hanno sanzionato circa cento persone e sospeso d'urgenza l'attività del posto, gestito da una associazione che però nei fatti -questa la contestazione- era diventata una festa abusiva a tutti gli effetti.

A illustrare i dettagli dell'operazione sono stati il capo della polizia amministrativa bolognese Vincenzo Frontera, insieme alla dirigente del commissariato Bolognina-Pontevecchio e dell'ispettore Giuseppe di Napoli, omologo della polizia locale, impegnata del pari nel blitz e nei successivi accertamenti.

Il modus operandi: tessera subito prima e poi dentro a ballare

Oltre ai clienti, multati a vario titolo perché senza green pass e mascherina anche a riposo, le forze dell’ordine hanno provveduto a chiudere d'urgenza il locale e sospendere le licenze del caso. L'attività -così ricostruiscono le forze dell'ordine- era portata avanti da una sorta di associazione fittizia, che faceva sottoscrivere tessere all'ingresso come fosse un biglietto pagante, per poi indirizzare i clienti in sala. Il tutto ufficialmente era stato pubblicizzato come uno stage di ballo, ma le evidenze riscontrate da polizia di stato e locale hanno raccontato un'altra storia.

Notizia in aggiornamento

Video popolari

"Stage di ballo", ma in realtà è festa abusiva: chiuso noto locale, clienti multati

BolognaToday è in caricamento