Cronaca Pilastro / Viale Tito Carnacini

Furti a raffica nei negozi: tra chi si ingegna con borse 'modificate' e chi opera con nonchalance

Cinque ladri in azione nella giornata di ieri, ai danni di vari esercizi commerciali della città. Minimo comune denominatore dei loro 'colpi'? Hanno fatto 'acqua': scattano denunce

Cinque ladri in azione nella giornata di ieri, ai danni di alcuni esercizi commerciali della città. Ma i loro 'colpi' hanno fatto 'acqua': scattano denunce ad opera della Polizia.

Doppio furto, in momenti diversi della giornata e con diversi autori, al centro commerciale 'Lame'. Il primo è avvenuto in mattinata, ad agire sono state due donne di origine rumena, classe 1994, che sono state fermate dopo aver oltrepassato le casse senza pagare, e fatto scattare l'antifurto. Addosso alle due straniere sono stati ritrovati vari generi alimentari, per un totale di 50 euro, precedentemente asportati dagli scaffali del supermercato all'interno del centro commerciale. Allertate sul posto le forze dell'ordine, dagli addetti alla sicurezza, per le due è scattata una denuncia per furto aggravato in concorso.

Stessa denuncia è stata spiccata per una coppia - lui nato in Tunisia nel '78, lei in Romani nell'85 - 'pizzicati' sempre con la stessa modalità in prossimità delle casse di un negozi di abbigliamento all'interno del Centro Lame. Occultavano vari indumenti precedentemente trafugati.

Spostandoci su via Giuriolo, nel mirino di una malintenzionata è finito il negozio di scarpe Pittarello. Da qui la donna aveva trafugato tre paia di scarpe di marca, infilate in una borsa 'modificata' ad hoc per i furti, con un'imbottitura di alluminio e carta. Ma lo stratagemma adottato dalla donna - una rumena di 33 anni - non ha funzionato. Arrivata all'uscita del punto vendita è scattato l'allarme e la donna è stata bloccata dagli impiegati del negozio. Anche per lei denuncia per furto aggravato.

Infine, 'raid' al negozio 'Oviesse' di viale Carnacini dove due uomini, con totale nonchalance, si sono aggirati per il punto vendita, infilando all'interno di alcune buste vari capi di abbigliamento. Il loro 'trafficare'ha destato sospetti, quindi sono stati seguiti da un addetto alla vigilanza, che ha atteso si recassero oltre le casse per bloccarli con le mani nel sacco. Uno dei due pero'  è riuscito a scappare con parte della refurtiva, mentre il suo sodale - un trentenne originario del Marocco - è stato fermato e denunciato per furto aggravato in concorso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti a raffica nei negozi: tra chi si ingegna con borse 'modificate' e chi opera con nonchalance

BolognaToday è in caricamento