Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Furti per migliaia di euro nelle chiese, con ingegnoso stratagemma: preso ladro seriale

Un kit confezionato ad hoc per ripulire le cassette delle offerte. Colpi a raffica nel circondario imolese e nelle località ad alto flusso di pellegrinaggio. Intercettato grazie all'inusuale mezzo su cui viaggiava per recarsi a compiere i furti

Alcuni pezzi del "kit" e la bici, usati per i furti

Migliaia di euro trafugati nelle chiese del circondario imolese e in quelle nelle località ad alto flusso di pellegrinaggio. Usando un kit 'ingegnoso', studiato ad hoc per portare a termine i furti. Così ha agito per lungo tempo un ladro seriale, intercettato dopo una lunga indagine dai Carabinieri della Stazione di Imola, che lo  hanno infine denunciato per furto aggravato.

L'uomo, un 37enne di Santa Maria Capua Vetere, domiciliato a Imola, è stato identificato nel corso di un’indagine iniziata qualche mese fa, dopo che alcuni sacerdoti di Imola si erano rivolti ai Carabinieri per denunciare dei furti dagli offertori votivi collocati in alcune chiese della città.

Dai primi accertamenti era emerso che i fatti potevano essere attribuiti a un uomo, solito a girare in sella a una bicicletta in stile “retrò” con i copertoni bianchi, difficile da passare inosservata agli occhi della gente. Per incastrare l’"originale" ciclistBICI KIT LADRO-2a, i Carabinieri hanno messo in atto una serie di servizi in abiti civili, con particolare attenzione ai luoghi di culto. Il piano ha funzionato e, nella serata di ieri, il 37enne è stato individuato mentre si aggirava per il centro cittadino con fare sospetto.

IL KIT. La conferma che si trattava dell’uomo "giusto" è arrivata con la perquisizione domiciliare ,che ha consentito di rinvenire una parte della refurtiva contenuta all’interno di alcune confezioni di plastica e il kit utilizzato per portare a termine i reati, uno spago collegato a una tessera dotata di nastro biadesivo, appositamente modificata per essere inserita negli offertori votivi in modo da “pescare” le monetine.
Una tecnica bizzarra ma efficace, tanto da consentire introiti per centinaia di euro a settimana nelle chiese imolesi e qualche migliaia di euro in quelle nelle località ad alto flusso di pellegrinaggio.
“Aggia campà marescià” è quanto il 37enne, disoccupato e con precedenti di polizia specifici, avrebbe proferito nel suo dialetto davanti ai militari che lo hanno fermato. La bici e il resto del materiale sono stati posti sotto sequestro.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti per migliaia di euro nelle chiese, con ingegnoso stratagemma: preso ladro seriale

BolognaToday è in caricamento